Alloggi IACP: discussa in commissione la problematica della residenza anagrafica

Presieduta da Vincenzo Solombrino, la commissione Politiche per la casa, con l’assessora al Diritto all’abitare Monica Buonanno, il dirigente del servizio Anagrafe Luigi Loffredo e alcuni rappresentanti della Ottava Municipalità, nonché di alcuni rappresentanti dei sindacati degli inquilini, ha affrontato oggi con il dottor Duraccio, in rappresentanza dell’avvocata Poeta, direttore generale dell’Istituto Autonomo Case Popolari, le problematiche della residenza anagrafica per i nuclei familiari che abitano in alloggi IACP.E’ stata analizzata, nel corso della riunione, la nuova procedura con la quale, per gli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, il Comune ha disciplinato la relazione tra gli uffici anagrafici e l’ufficio casa del Comune in merito alla residenza negli alloggi appartenenti al patrimonio comunale.

Sono molte, ha sottolineato il vice presidente dell’Ottava Municipalità, le pratiche bloccate per cittadini che, dovendo richiedere trattamenti di tipo sociale, come reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, trattamenti di ordine sanitario, non riescono ad ottenere la residenza in alloggi pubblici. Di un vero e proprio abuso, ha parlato anche il consigliere Tammaro, della stessa Municipalità, nel caso di alloggi IACP, segnalando che in molti casi l’Istituto non concede il “nulla osta” che, in analogia con quanto avviene per gli alloggi ERP, deve rilasciare agli uffici anagrafici, una volta verificato che il richiedente non sia un occupante abusivo dell’alloggio. Il “nulla osta”, ha segnalato il consigliere, viene anche negato quando non ci sarebbero motivi legali ostativi.

Per gli alloggi dell’Edilizia Residenziale Pubblica, ha sottolineato l’assessora Buonanno, è stata trovata una soluzione tecnica con gli uffici dell’Anagrafe che ha consentito di sistematizzare una serie di pratiche che erano bloccate: il diritto alla residenza è un diritto fondamentale garantito dalla Costituzione e nello stesso territorio i cittadini devono essere trattati allo stesso modo.

La problematica, ha spiegato il dirigente dell’Anagrafe comunale Luigi Loffredo, nasce a seguito del Decreto Lupi che, nel 2014, stabilì che chi occupa un alloggio senza titolo non può richiedere la residenza. Perché sia riconosciuta la residenza, i richiedenti devono possedere un titolo in base al quale vivono in un alloggio: nel caso di alloggi privati, i richiedenti devono quindi essere proprietari o affittuari; nel caso di alloggi pubblici, il titolo è costituito dall’assegnazione. Gli uffici anagrafici chiedono conferma dell’esistenza del titolo, all’ufficio comunale Casa per alloggi ERP, all’Istituto Autonomo Case Popolari per gli alloggi di proprietà di quest’ultimo ente. Con la nuova circolare comunale, sono stati estesi i casi in cui è possibile procedere all’iscrizione di un soggetto o al cambio di residenza, ad esempio quando ci siano legami familiari, anche unioni civili e convivenze di fatto, e quando sono in corso richieste di voltura del titolo di assegnazione. Vengono anche riconosciute le residenze temporanee. Inoltre, rifacendosi ad una risoluzione del Ministro dell’Interno del 2015, il Comune di Napoli ricorre alla “residenza di prossimità”: quando non sia possibile indicare una precisa abitazione, la residenza è riconosciuta in base, ad esempio, al solo numero civico. In ogni caso, ha concluso il dirigente dell’Anagrafe, le nuove modalità escludono che la concessione della residenza possa costituire un presupposto per l’assegnazione di un alloggio pubblico.


L’opportunità che anche l’Istituto Autonomo Case Popolari adotti le stesse modalità che il Comune ha previsto per gli immobili dell’ERP è stata suggerita sia dal Presidente Solombrino che dal rappresentante del sindacato degli inquilini Alfonso Amendola.

Il funzionario dell’Istituto Autonomo Case Popolari Duraccio, nel rigettare le accuse di irregolarità, ha ricordato che lo stesso Istituto stipula ogni anno oltre 500 contratti di locazione e rilascia centinaia di “nulla osta” per l’iscrizione nell’anagrafe comunale una volta verificato che non si tratti di occupazioni abusive, per le quali scatta la richiesta di sgombero. Il “nulla osta” dell’Istituto è una semplice fotografia della situazione realmente esistente negli alloggi, l’IACP non può sostituirsi al Comune. Quest’ultimo, ha comunque trovato soluzioni efficaci per le problematiche di tipo sociale, come l’iscrizione a scuola, o l’assistenza sanitaria. Un esame della casistica dei dinieghi è sicuramente possibile e auspicabile, ha concluso, anche al fine della correzione di eventuali errori.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*