Napoli, Polizia Municiple: sequestro distributori alcolici

L’Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali e Minori della Polizia Municipale di Napoli nell’ambito del contrasto al consumo di sostanze proibite da parte di minorenni ha posto in sequestro penale un distributore automatico di bibite che erogava liberamente ed a tutte le ore, bevande alcooliche quali vino, prosecco e birre di varie marche in assenza di alcun controllo sull’età degli acquirenti. Gli Agenti hanno effettuato un intervento in zona Orefici all’interno di un locale aperto al pubblico dove erano installati diversi distributori ad erogazione automatica e senza che vi fosse alcun addetto al controllo degli avventori. Durante l’accesso gli Agenti hanno notato che uno degli apparecchi, rifornito di numerose bibite alcooliche, erogava queste ultime senza necessità di inserire la tessera sanitaria per stabilire l’età degli acquirenti quindi l’acquisto era potenzialmente consentito anche a minori. I poliziotti municipali hanno immediatamente avviato le indagini per rintracciare il titolare dell’attività, residente in provincia, che è stato rintracciato solo dopo qualche ora. Al soggetto, risultato in regola con la documentazione amministrativa, è stata contestata la violazione dell’art. 689 C.P. che sanziona chi somministra, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, bevande alcooliche a un minore di anni sedici attraverso distributori automatici che non consentano la rilevazione dei dati anagrafici dell’utilizzatore mediante sistemi di lettura ottica dei documenti. Il distributore è stato posto in sequestro ed è stata inviata informativa di reato alla Procura della Repubblica. L’apertura, sempre più diffusa, di tali locali con apertura per tutte le 24 ore e l’installazione di distributori con alcoolici prevede l’obbligo d’inserimento di un sistema che verifichi attraverso la lettura dei documenti l’età degli acquirenti o, in mancanza, è richiesta la presenza di un addetto. Il contrasto alla facile accessibilità da parte di minorenni alle bevande alcoliche e la prevenzione delle conseguenze sulla salute a seguito del loro consumo costituiscono uno dei principali ambiti delle attività demandate all’U.O. Tutela Emergenze Sociali e Minori a contrasto di tale pregiudizievole abitudine che vede coinvolti sempre più ragazzini, ragion per cui le attività di controllo proseguiranno ad oltranza.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*