Elezioni forensi, Argia Di Donato: “Crediamo nel cambiamento”

Elezioni forensi 2019: tra etica e diritto, interpretazioni rocambolesche e pareri chiarificatori, il silenzio assordante della giovane avvocatura. Non è trascorso neanche un mese dalla fatidica pronuncia della
Cassazione a Sezioni Unite (Sentenza n. 32781/18 del 19 dicembre u.s.) sulla questione “ineleggibilità”: la Suprema Corte – pronunziandosi sulla non computabilità dei mandati di consigliere svolti anteriormente alla nuova legge ai fini della preclusione di eleggibilità prevista dall’art. 3, comma 3, della legge 12 luglio 2017, n. 113 (meglio conosciuta come Legge Falanga dal nome del Senatore Ciro Falanga che presentò il disegno di legge alla Camera C.4439 recante Disposizioni sulla elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi poi divenuta Legge a mente del quale «i consiglieri non possono essere eletti per più di due mandati consecutivi») – ha espressamente chiarito che «i consiglieri non possono essere eletti per più di due mandati consecutivi. La ricandidatura è possibile quando sia trascorso un numero di anni uguale agli anni nei quali si è svolto il precedente mandato. Dei mandati di durata inferiore ai due anni non si tiene conto ai fini del rispetto del divieto di cui al secondo periodo del
comma 3». Le Sezioni Unite hanno, pertanto, “precisato” l’espressione normativa, perfettamente chiara nell’escludere l’eleggibilità di quegli avvocati che hanno espletato due mandati consecutivi (ricomprendendo anche tutti i casi sotto il regime dell’ordinamento della professione forense previgente alle riforme del 2012). In buona sostanza e in estrema sintesi, chi ha ricoperto la carica di
Consigliere dell’Ordine per due mandati (e mandato qui è da intendersi alla stessa stregua di quello elettorale, l’incarico cioè che il corpo elettorale – nella specie forense – affida agli eletti affinché questi
possano rappresentare lo stesso in proprio nome nelle sedi istituzionali.
Ed essendo di durata prefissata, poco importa al corpo elettorale se si è svolto per 20 o 23 mesi, dato che rileva l’affidamento dell’elettorato attivo che intende la durata del mandato in senso presuntivo), non può più – ex lege – ricoprire il ruolo di Consigliere dell’Ordine degli Avvocati . Sulla ratio della legge è stato detto tanto, molti gli autorevoli giuristi che hanno sostenuto l’interpretazione della Cassazione, lo
stesso Falanga in più interviste ha chiarito e fugato qualsiasi dubbio sul “senso” della norma da egli stesso concepita. Tutto chiaro, quindi, la Legge, la Cassazione e il successivo Decreto Legge n.2/2019, emanato ad abundatiam per mettere tutti a tacere.  Tutt’altro che chiaro, invece, e incomprensibile – a fronte di un provvedimento inequivocabilmente evidente – , è il comportamento di alcuni “rappresentanti” forensi e di quegli “aspiranti” tali. In particolare, non è decifrabile, né razionale ancorché illogico l’accanimento al “ruolo” e l’insistenza nel mantenimento al “servizio” o alla “funzione” che da questo scaturiscono. Come non è altrettanto ammissibile la tenue e lieve esposizione su questo aspetto di molti tra i candidati in possesso dei requisiti di eleggibilità che tacciono, rimettendosi al responso dell’urna; responso che invece sarà inevitabilmente falsato attesa l’impropria posizione di potere accumulata dagli “incandidabili” (grazie ai numerosi mandati espletati nel tempo), posizione di potere censurata – lo si ricorda – sia dalla Legge sia dalla Cassazione.  Le scienze biologiche ci aiutano a leggere in questo atteggiamento l’attivazione delle difese smosse dall’istinto di “conservazione”, quello
stesso elemento di “potenza” che Spinoza ritrova nei comportamenti con cui l’uomo riconosce se stesso nello “stato di natura”. Per il brillante pensatore, infatti, gli uomini dominati dal solo istinto di autoconservazione, vivono in uno stato di guerra perenne, in balia degli eventi e della sorte e senza possibilità di proteggere e fissare il proprio futuro. Da qui la necessità dell’unione e dell’aggregazione, anche solo formale e spesso strumentale, per dominare le probabilità e rendere certo l’incerto.
Analoghe vicende trovano espressione nel nostro Foro ove, senza scomodare il buon Spinoza, avviene praticamente la stessa cosa. Ad osservatore attento non può sfuggire la rivelazione del principio di
autoconservazione testé citato rispetto alla urgenza della sopravvivenza. Il dato che contraddistingue le ultime ore è senza dubbio allarmante.
Pare, infatti, che la stessa Legge n.113/2017 e la sua interpretazione da parte delle Sezioni Unite della Cassazione nonché il successivo e chiarificatore Decreto Legge stiano andando nel verso contrario; coloro che fino ad un attimo prima erano al di fuori del solco della liceità, ad
oggi sono rientrati – con un coup de théâtre di infimo effetto – nuovamente all’interno del cerchio della legittimità. Sorvolando sull’acquisizione di pareri anche a sé favorevoli nella sterile disquisizione sulla questione della eleggibilità, ostinarsi nell’«esserci a tutti i costi e per sempre» è azione per nulla onorevole che non riserva alcun decoro né stima né per chi è autore di perseveranti manipolazioni
né per chi è spettatore “consapevole e non” delle stesse.
Volendo anche escludere qualsiasi altro ragionamento di natura giuridica, non si può tacere sull’opportunità politica delle scelte di chi – in dispregio al fattore “tempo” testimone della presenza continuativa in certe stanze -, perdura con l’analoga pervicacia del pappice (che il vocabolario Treccani identifica con una serie di coleotteri della famiglia bruchidi, le cui larve mangiano i semi di diverse leguminose) nel mantenere il proprio spazio, e quindi per un interesse prima di tutto
personale.
L’accanimento e la determinazione nell’autoconservazione è offensiva e rappresenta un’onta per tutti noi, avvocati impegnati sì nelle aule giudiziarie quotidianamente ma anche presenti quali baluardo nella
difesa dei diritti degli appartenenti alla società civile.
Vorrei ricordare a queste persone che vantano iniquamente un diritto di primogenitura e di prelazione nei confronti dell’intera categoria, che l’avvocato è prima di tutto il difensore dei diritti, denuncia le violazioni degli stessi ed è – e ciò mi preme ancor più in questa sede – il primo osservante di leggi e sentenze, di cui chiede parimenti il rispetto ai propri stessi clienti.
Vi è un aspetto che colpisce e addolora su tutto, è il silenzio della giovane avvocatura, proprio quella che dovrebbe farsi portatrice della linfa vitale che svecchia scenari obsoleti e mimiche reiterate e
portavoce di istanze nuove e sollecitazioni inedite.
Il mio appello è ai giovani, proprio ai tanti colleghi che quotidianamente si misurano con le difficoltà dell’essere avvocati oggi in un mondo in repentino mutamento: la mia chiamata è proprio a quei
colleghi impegnati nel lavoro al punto tale da sottovalutare quello che sta accadendo a livello nazionale e locale, e che nella propria inerzia si rendono complici silenziosi rispetto ad una vicenda che ha reso
protagonisti, miseri e chiacchierati di fronte l’intero paese, tutti noi.
Il tema è attuale e la questione è politica, ognuno di noi è chiamato ad una battaglia di libertà; abbiamo l’opportunità della differenza e della autonomia rispetto a quanto ha svilito e svilisce – a tutt’oggi – la nostra categoria. Il domani è sì, incerto ed incontrollabile ma il presente è senza dubbio un volano verso un futuro possibile e perfettibile. E il momento odierno è la traduzione dei nostri intenti e dei nostri desideri.
Credere nel cambiamento – quello reale, quello vero, e non quello
utilizzato come parola a soli scopi elettorali -, è un atteggiamento prima
di tutto spirituale e mentale. Crediamo, dunque, nel “Cambiamento”
originale e verosimile, che è quello dei buoni propositi e delle azioni
concrete supportate da scopi alti.
Crediamo nel Cambiamento, e il cambiamento avverrà.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*