Napoli pubblicato un decalogo che semplifica l’attuazione delle iscrizioni anagrafiche delle persone senza dimora

Dopo due mesi di sospensione dovuti a difficoltà amministrative
derivanti soprattutto dai continui aggiornamenti delle procedure di
iscrizione anagrafica per le fasce sociali più fragili, grazie alla
proficua collaborazione con l’Assessora Buonanno e i Servizi Anagrafe ed
Inclusione Sociale, abbiamo finalmente pubblicato un decalogo che
semplifica e rende più agevole l’attuazione, da parte delle anagrafi
municipali, delle disposizioni in materia di iscrizione anagrafica delle
persone senza dimora. Un atto importante, poichè, attraverso
l’acquisizione di una residenza anagrafica si garantisce l’accesso ai
fondamentali diritti di cittadinanza (come, ad esempio,accesso ai
servizi sociali, alle strutture di accoglienza comunali, ai servizi
sanitari e previdenziali) necessari per compiere passi verso l’emersione
dall’esclusione sociale e dall’emarginazione. La disposizione prevede la
possibilità di affidare alle persone senza dimora una residenza di
prossimità che consente di registrare sul documento di identità un
indirizzo realmente esistente nei pressi dei luoghi abituali di ritrovo.
In questo modo si supera la precedente procedura che affidava alle
persone senza dimora un indirizzo convenzionale virtuale.”
Lo afferma in una nota l’assessore Laura Marmorale


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*