Argia Di Donato: “Se questo è un avvocato”

È di questi giorni la pronuncia della Cassazione che, a Sezioni Unite (con sentenza n. 32781/18 pubblicata il 19 dicembre u.s.), è intervenuta su un aspetto apparentemente controverso e molto dibattuto relativo ai requisiti di eleggibilità dei rappresentanti dei Consigli degli Ordini. La Consulta non lascia dubbio alcuno sulla lettera e sulla ratio del legislatore (Legge Falanga) in tema di elezioni dei Consigli degli Ordini circondariali forensi:i consiglieri non possono essere eletti per più di due mandati consecutivicioè non sono eleggibili gli avvocati che abbiano già espletato due mandati consecutivi (esclusi quelli di durata inferiore al biennio ai sensi del comma 4  del  medesimo  art.  3  I. 113/17) in qualità di componenti dei Consigli degli Ordini Forensi.

La sentenza tanto “chiacchierata” ha sollevato un polverone sull’intera penisola e da ogni parte di Italia fioccano posizioni contrastanti: da improbabili interpretazioni dell’«interpretazione massima» all’appoggio pieno al dictat“inequivocabile” della Cassazione; pochi e sparuti, quei colleghi candidati al rinnovo delle cariche che hanno fatto dignitosamente un passo indietro, ritirando la propria candidatura.

È così sconveniente svolgere la professione di avvocato? È così disdicevole difendere i diritti di un individuo di fronte alla Magistratura? Questi interrogativi che dovrebbero attendere semplice risposta, divengono astrusi ed enigmatici rispetto a quel fatidico 19 dicembre e, soprattutto, appaiono sibillini e contorti in considerazione dell’accanimento e dell’attaccamento da parte di colleghi a “poltrone e ruoli” di mera rappresentanza e amministrazione che – a questo punto – si manifestano come evidente espressione di potere e reggenza.

Superfluo sollevare il problema dal punto di vista giuridico, e chi intende farlo è assai ridicolo. Anche un giovane studente di giurisprudenza saprebbe ben interpretare la norma di cui si discute, dato che il diritto è prima di tutto logica e poi applicazione pratica dei principi generali di un ordinamento giuridico. Il mancato raggiungimento del biennio per pochi giorni (quaestio invocata da alcuni) a sostegno della sussistenza dei requisiti previsti dalla legge è argomentazione alquanto bizzarra e goffa che di giuridico ha ben poco e che non convince proprio nessuno, e questo per citare solo uno dei tanti esempi. Quello di cui bisogna discutere e sul quale occorre porre l’accento è la questione politica. Prima di tutto siamo avvocati e abbiamo il dovere di assecondare i presupposti di lealtà e di probità, di giustizia e di equità, in conformità e nel rispetto delle norme enunciate dal legislatore.


Come donna di legge e come cittadina, trovo oltremodo offensivo ciò che si sta verificando nel mio Foro (Napoli) in occasione delle elezioni forensi 2019. Apprendo di piantonamenti all’interno del Consiglio dell’Ordine per assicurarsi posti in prima fila nel tabellone delle candidature, leggo sui social di incomprensibili argomentazioni a sostegno di un’eleggibilità forzata e mi rammarico del tanto paventato “cambiamento” – ormai parola magica  assai in voga che tutto risolve – invocato a più non posso e leso nella sostanza e nella forma. Inorridisco di fronte al menefreghismo e alle dichiarazioni di chi, con immodestia, ambisce a rappresentare l’Avvocatura Partenopea e che, senza pudore alcuno, ha ancora l’ardire di promuovere un “nuovo” che rinnega puntualmente proprio attraverso la presentazione di una candidatura illegittima.

Tutto ciò lede e mina il prestigio della nostra categoria e, soprattutto, ridicolizza il ruolo e la funzione dell’avvocato agli occhi della società civile. Viene da chiedersi, in tutta franchezza, come mai tanta “volontà e costanza” non siano state spese e offerte per questioni ben più pregnanti e importanti da un punto di vista normativo ed etico.

Come avvocati non possiamo e non dobbiamo tacere su questo stato di cose, il silenzio su questi accadimenti è ai limiti della connivenza e ci rende protagonisti di questa mostruosità che non ha ragione e non ha motivazione. In tutto ciò che si sta verificando, non può ravvisarsi alcun bene per l’Avvocatura e chi insiste nel candidarsi a tutti i costi, offende ogni avvocato libero che quotidianamente si batte nelle aule di giustizia per difendere i diritti del proprio assistito.

Argia di Donato

Avvocato del Foro di Napoli

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*