Il Consiglio comunale ha approvato il Bilancio consolidato 2017

Il Consiglio comunale, presieduto da Alessandro Fucito, dopo gli interventi urgenti (ex articolo 37 del regolamento) è passato all’esame della delibera di G.C. n. 627 del 18/12/2018 di proposta al Consiglio per l’approvazione del Bilancio consolidato Comune di Napoli per l’esercizio 2017. Il vice sindaco e assessore al Bilancio Enrico Panini ha presentato il Bilancio consolidato per il 2017, un importante documento che fotografa lo stato di salute del “sistema Comune”, cioè Comune di Napoli e 8 partecipate consolidate di cui 4 in liquidazione, frutto di un attento lavoro per il quale ha ringraziato gli uffici, le società partecipate ed i Revisori dei conti.

L’assessore ha poi evidenziato i motivi del ritardo con cui il documento arriva all’approvazione del Consiglio, e questi sono da rintracciare nelle novità complesse, non solo di natura contabile, che hanno riguardato ciascuna delle principali partecipate. Ci sono stati netti miglioramenti nel definire l’uniformità dei bilanci da consolidare rispetto al 2016. Il Consolidato evidenzia uno stato di salute assolutamente discreto, con un’ottima patrimonializzazione dell’Ente che è in grado di assolvere alle fondamentali funzioni pubbliche e di sopperire ai debiti contratti.

Con i dati ora a disposizione, si potranno compiere le operazioni necessarie, cioè efficientare, ridurre gli sprechi, intervenire su ogni voce di spesa al fine di offrire più servizi di qualità alle donne e agli uomini della nostra città. Il Bilancio Consolidato del 2017 fa registrare circa 8,8 miliardi di euro, con un patrimonio netto di circa 5,6 miliardi. L’indebitamento totale dell’Ente e delle sue partecipate, invece, si attesta attorno ai 4,4 miliardi di euro al quale si contrappone un ottimo livello di solidità patrimoniale. Il Comune di Napoli, con questo Consolidato, si presenta dunque come un Ente in grado assolvere alle funzioni pubbliche.

Con l’approvazione del Bilancio consolidato il Comune potrà procedere alle previste assunzioni nei vari settori strategici della Sicurezza, contrattualizzando 94 agenti della Polizia Locale, della Scuola, con l’assunzione di circa 50 unità di personale di area educativa e delle Politiche Sociali, con l’impegno di 181 figure multidisciplinari che opereranno negli interventi di contrasto alla povertà attraverso la misura del Reddito di Inclusione. Nel dibattito sono intervenuti molti consiglieri. Matteo Brambilla (Mov. 5 Stelle) ha sostenuto che il consolidato consente di capire lo stato di salute del Comune e delle sue partecipate; questo consolidato è stato formulato sulla base di preconsuntivi, non approvati in assemblea per alcune partecipate, e non si spiega come mai i revisori abbiano bocciato il rendiconto 2017 e invece abbiano dato un parere tecnico favorevole, con soli 4 bilanci allegati, a questo Consolidato.


Restano oscure anche le motivazioni per le quali solo 8 partecipate siano nell’area di consolidamento. Non siamo ancora arrivati, infine, ad avere l’esattezza tra crediti e debiti tra Comune e partecipate, non è stato redatto l’inventario dell’Ente. Non è vero, infine, che serva l’approvazione del Consolidato per procedere alle assunzioni in quanto queste sono in deroga, con fondi ministeriali, e a tempo determinato. Federico Arienzo (PD) ha espresso perplessità sul legame tra Consolidato e assunzioni; inoltre, si fa fatica a capire il parere dei Revisori, rilasciato su preconsuntivi, come quello di Napoli Servizi, la partecipata più importante. Mancano anche le informazioni sullo stato patrimoniale delle partecipate.

Viene meno così la fotografia della situazione che un Consolidato dovrebbe dare. Manuela Mirra (Riformisti Democratici), presidente della commissione Bilancio, ha fatto precisazioni sul dato contabile 2017 rispetto al 2016. Il Consolidato è frutto di un lavoro di meticolosa e attenta pulizia dei conti; al secondo anno di redazione, si sono rivalutate le singole poste; i disallineamenti tra Comune e società partecipate sono dovuti non ad imperizia ma alle differenti modalità di contabilizzazione, ad esempio nel caso dell’IVA. Vincenzo Moretto (Prima Napoli) ha ricordato che i Revisori hanno avuto solo 10 giorni a disposizione per esprimere il parere su un documento così importante; non è possibile esaminare dettagliatamente tutte le schede delle società partecipate, né c’è il tempo di discutere: siamo di fronte alla stessa situazione del rendiconto, e si ripetono tutti gli errori perpetrati nel tempo.

Nella replica al dibattito, l’assessore e vice sindaco Panini ha sottolineato che la principale difficoltà del consolidato sta nel mettere insieme culture amministrative diverse tra Comune e partecipate, aspetto sul quale occorrerà lavorare nei prossimi mesi. L’assessore ha poi risposto nel merito alle questioni sollevate nel dibattito e, tra queste, a quella dei tempi messi a disposizione dei Revisori; essi hanno svolto il loro compito, affermando un giudizio positivo sotto gli aspetti tecnici e contabili, potendo lavorare sui materiali e documenti messi a disposizione man mano che questi venivano approntati; per le assunzioni, ha chiarito che per procedere è obbligatoria l’approvazione in Consiglio del Consolidato.

Per dichiarazione di voto, è intervenuto il consigliere Gaudini, che ha espresso l’orientamento del gruppo Verdi-Sfasteriati: nonostante motivi di insoddisfazione, sul Consolidato il gruppo intende mantenere l’impegno verso la città e in particolare sul tema delle assunzioni, per cui si asterrà sulla delibera; Coppeto (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) ha a sua volta confermato il voto favorevole del proprio gruppo sollecitando però i necessari approfondimenti politici e istituzionali; Simeone, a nome del gruppo Agorà, ha annunciato voto favorevole, pur permanendo aspetti critici su mobilità, trasporti pubblici, viabilità, non riducibili però al problema delle deleghe.

La delibera di approvazione del Bilancio consolidato del Comune è stata quindi votata con appello nominale, con 21 sì, 1 no, 2 astensioni. Intervenuto sull’ordine dei lavori, il consigliere Buono ha ribadito i motivi di criticità già espressi da Gaudini e sollecitato la discussione sulle delibere di iniziativa consiliare, come quella sulla limitazione del gioco lecito, ancora mancante di pareri: Non essendo coinvolti nel governo della città, infine, ha annunciato che sulla delibera sui debiti fuori bilancio il gruppo Verdi Sfasteriati avrebbe abbandonato l’Aula. La delibera sui debiti fuori bilancio maturati dal 1° o al 31 ottobre 2018 è stata introdotto dal vicesindaco e assessore Panini il quale ha spiegato che la mancata approvazione della delibera comporterebbe l’apertura del nuovo anno con un indebitamento di ulteriori 8 milioni; dal settembre 2018 ad oggi, la delibera propone il riconoscimento di debiti per la maggior parte frutto di sentenze che hanno visto il Comune di Napoli soccombente.

Nel dibattito sono intervenuti: Brambilla (Movimento 5 Stelle) per il quale la delibera evidenzia che il Comune continua a fare gli stessi errori e sempre negli stessi settori, ad esempio nelle bollettazioni o sulla manutenzione stradale; ha quindi scorso l’elenco dei debiti da riconoscere notando che il loro mancato riconoscimento tempestivo comporta l’aumento degli interessi da pagare, soprattutto per quelli, ingenti, derivanti da sentenze. Ha infine ribadito la richiesta di convocazione della commissione Bilancio proprio sui problemi alla base del maturare i debiti fuor Bilancio.

Nella replica, il Vice Sindaco e assessore Panini ha ricordato che il Consiglio è chiamato a riconoscere debiti attestati dai dirigenti responsabili; la farraginosità della normativa, con cause che si prolungano per anni, è alla base dell’ingente debito da sentenze; augurandosi che a livello nazionale, sulla manutenzione stradale, tutte le città possano essere trattate allo stesso modo, ha ribadito l’invito a votare la delibera per non scaricare sul 2019 debiti che appesantirebbero il bilancio. La presidente Mirra è intervenuta per assumere l’impegno a convocare più di una riunione della commissione Bilancio per trattare nel dettaglio i debiti fuori bilancio.

Per dichiarazione di voto, il consigliere Arienzo del PD ha annunciato che il suo gruppo, per senso di responsabilità, sarebbe rimasto in Aula per consentire il regolare svolgimento della seduta, pur votando contro la delibera, e ciò per rispettare il mandato di operare nell’interesse esclusivo della città facendosi carico del fatto che debiti certificati, se non riconosciuti, graverebbero sull’Ente e quindi sui cittadini. Analogamente, Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha annunciato che i consiglieri 5 Stelle sarebbero rimasti in Aula per non gravare sui cittadini con ulteriori debiti dovuti a incompetenza amministrativa.

Moretto (Prima Napoli) ha anche lui rivisto la decisione di lasciare l’Aula considerando l’irresponsabilità di una parte della maggioranza e per far valere l’interesse generale. Anche Venanzoni (PD) è intervenuto per dire che occorre ristabilire un clima di verità dicendo che le opposizioni, restando in Aula, con senso di responsabilità, rendono possibile alla maggioranza di esercitare la propria funzione. La delibera è stata quindi posta in votazione con appello nominale e approvata con 20 sì e 5 no. La seduta è stata quindi sciolta dopo aver votato all’unanimità un ordine del giorno, a firma di tutti i Gruppi, presentato da Simeone (Agorà) che richiede idonee azioni verso la lega Calcio e verso le autorità giudiziarie, sportive e ordinarie, affinché venga tutelato lo spirito sportivo che un incontro di calcio rappresenta, senza diversità di razza.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*