Napoli: in commissione Trasparenza il regolamento “Adotta una strada”

Presieduta da Domenico Palmieri, la commissione Trasparenza si è riunita per un nuovo approfondimento sul regolamento “Adotta una strada”. Sono intervenuti il vicesindaco Enrico Panini, l’assessore alle Politiche urbane Carmine Piscopo, la dottoressa Patrizia Magnoni, segretario generale del Comune di Napoli, il dirigente del servizio Progettazione manutenzione e realizzazione strade Edoardo Fusco e la dirigente del servizio Controlli ambientali Emilia Giovanna Trifiletti.

Nel corso della precedente riunione del 23 ottobre 2018, ha introdotto il presidente Palmieri, erano emerse alcune anomalie nel procedimento relativo alla richiesta di adozione della strada presentata per piazza Vittoria. Era emerso infatti un vizio di forma nel corso dell’approfondimento con i servizi competenti, e cioè la mancanza, ai sensi dell’art. 6 comma 2 del Regolamento, della decisione motivata, obbligatoria e vincolante dell’Amministrazione comunale, per il tramite del Sindaco, di dar seguito all’idea/progetto. Tale autorizzazione, effettivamente mancante al momento dell’avvio del procedimento, è stato successivamente fornita dal vicesindaco Enrico Panini, corroborata dal parere positivo della Soprintendenza sul progetto.

Sul piano politico, ha evidenziato il consigliere David Lebro (La Città), non è possibile che sia passato più di un mese per sapere se era stata fornita o meno, da parte del Sindaco, la manifestazione di interesse sul progetto in questione. Sul piano delle norme e del rispetto delle procedure, inoltre, questa vicenda è l’ennesimo esempio di come vengano regolarmente negate le prerogative del Consiglio: non è possibile attendere tanto, non è possibile che – come avvenuto la volta scorsa – un dirigente venga in commissione senza sapere se esiste o meno la documentazione autorizzatoria del procedimento che va a discutere, né è possibile arrivare solo alla fine dell’iter burocratico per rendersi conto che mancava la base di partenza per avviare il procedimento.

E’ quindi opportuno annullare in autotutela la pratica, e ripartire da capo, l’amministrazione ha tutta la facoltà di portare a termine il procedimento, ma questo deve avvenire nel rispetto del regolamento. E’ intervenuto quindi il dirigente del servizio PRM Strade Edoardo Fusco che ha confermato che, nel corso dell’approfondimento della documentazione, non è stato trovato l’atto di autorizzazione del Sindaco, e che lo stesso è stato richiesto e trasmesso a firma del vicesindaco Enrico Panini.


Sui pareri ancora da acquisire, si aspetta l’autorizzazione paesaggistica della Soprintendenza, ha evidenziato la dirigente Trifiletti, per inoltrare tutto alla valutazione finale del Responsabile Unico del Procedimento. Il segretario generale, dottoressa Magnoni, ha invitato a tenere distinto il discorso tecnico da quello delle procedure messe in atto. Su quest’ultimo aspetto, bisogna tener presente che esiste un problema, nel Comune di Napoli, sulla tenuta e sulla corretta archiviazione degli atti, che può spiegare il ritardo denunciato dal consigliere Lebro.

Ricostruendo poi le tappe amministrative relative alla richiesta per piazza Vittoria, il segretario generale ha evidenziato che, nel momento in cui ci si è resi conto che il parere del Sindaco sulla pratica non c’era, si è ritenuto di procedere ad una delega postuma al vicesindaco per l’espressione del parere, del tutto compatibile con il diritto amministrativo, nel rispetto del principio di conservazione degli atti giuridici. La delega postuma, ha concluso, consente di garantire l’efficacia del procedimento ed è una regolarizzazione da ritenersi consentita sul piano formale (interrompere il procedimento sarebbe infatti antieconomico ed antiefficace, e di fatto comporterebbe il ripetersi degli stessi passaggi burocratici svolti finora).

Per il vicesindaco Panini valgono le osservazioni del segretario generale, è vero che è mancato il parere iniziale del Sindaco ma è anche vero che non parliamo di un atto discrezionale, ma di un atto che avvia una procedura nel corso della quale si ottengono i pareri necessari per legge. Il parere ex-post da lui espresso, infatti, è stato positivo anche in virtù del parere della Soprintendenza. La pratica in questione era formalmente completa di tutta la documentazione necessaria, ha concluso, e si è semplicemente evitata la ripresentazione degli atti che si sarebbe resa necessaria con l’annullamento.

L’assessore alle Politiche Urbane Carmine Piscopo ha evidenziato che la riunione odierna rappresenta un’occasione importante per discutere sul regolamento “Adotta una strada”. Proprio l’articolo 6 c.2 rappresenta un’anomalia, perché attribuisce ad un organo politico, il Sindaco, una funzione che è anche di carattere gestionale. E’ ora di riprendere il regolamento e disciplinare meglio la separazione tra queste due funzioni, e la commissione potrebbe farsi promotrice di queste modifiche. L’assessore ha specificato inoltre che il progetto per piazza Vittoria fa parte di un disegno più ampio, e ha ricordato i lavori di un tavolo tecnico con l’Università Federico II per il disciplinamento in diverse zone della città delle occupazioni di suolo pubblico. Nel ricordare che l’intento della commissione è sempre quello di portare avanti un confronto dialettico e costruttivo, il presidente Palmieri ha evidenziato che il tema è il regolamento ora vigente per l’adozione di una strada da parte di privati, e che spesso possono generarsi confusioni tra i contenuti del regolamento “Adotta una strada” ed il regolamento per l’occupazione di suolo pubblico: sono infatti da tenere distinti i progetti per la riqualificazione di una strada e quelli che prevedono occupazioni di suolo, che hanno costi e obiettivi distinti.

Nel dibattito sono intervenuti: il consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli) per il quale le parole del segretario generale avallano la possibilità di avviare un procedimento amministrativo senza l’iniziale parere vincolante necessario, dando l’idea che tutto si possa fare. Tutto ciò avviene in un quadro generale preoccupante, con le commissioni che non riescono ad avere a disposizione i documenti da analizzare, e con le stesse opposizioni che tengono in piedi il numero legale per portare avanti i lavori; il consigliere Diego Venanzoni (Partito Democratico) che, pur rispettando pienamente il ruolo del segretario generale, ha evidenziato che il suo intervento è andato ben oltre il semplice rilievo e parere tecnico.

Esiste una confusione totale tra tutti i progetti che in questo momento stanno provvedendo a ridisegnare gli spazi della città, come la recente delibera n. 614 sui dehors, e sarebbe utile sapere come l’amministrazione gestirà la eventuale sovrapposizione tra tutti i progetti. Servono risposte ai consiglieri su una questione così delicata, ha concluso, tenuto conto che non si riescono neanche a consultare i documenti in discussione; il consigliere Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), ricordando che ieri in Consiglio Comunale ha evidenziato l’importanza che Presidente del Consiglio e Sindaco mettano in campo iniziative per recuperare un dialogo con le opposizioni, un dialogo che può partire proprio dagli atti.

Il tema infatti è riconsiderare alcune scelte anche rispetto agli effetti che esse hanno avuto, ma questo non deve mai negare le prerogative del Consiglio Comunale, che – ha ribadito – sono di indirizzo e controllo. Quindi, nel caso specifico, nel rispetto delle funzioni di controllo che ha esercitato la commissione, e delle stesse prerogative democratiche, potrebbe essere opportuno fare un passo indietro e far ripartire da capo il procedimento; il regolamento, così com’è, è corretto, ha nuovamente evidenziato Lebro, il problema è la tutela delle prerogative di controllo del Consiglio, è inaccettabile sentire che questa pratica poteva essere regolarizzata con un parere ex-post, il presupposto di una anarchia amministrativa che fa pensare che tutto sia sanabile.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*