Napoli, la cultura contro la violenza di genere: confronto in commissione

Presieduta da Elena Coccia, la commissione Cultura ha oggi discusso dei contenuti della Convenzione di Istanbul e dei fattori culturali connessi alla violenza di genere. Sono intervenute Rossana Ciambelli del Comitato “No Pillon” e Stefania Cantatore dell’Unione Donne Italiane. Ripartire dalla Convenzione di Istanbul del 2012 sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica per discutere di come un’adeguata visione culturale possa contrastare il fenomeno e tutelare la condizione femminile. Un documento fondamentale, ha precisato la presidente Coccia, che pur se recepito in Italia lascia ancora aperte alcune problematiche ed è importante riaffermarne le linee guida.
Rossanna Ciambelli del Comitato “No Pillon” ha evidenziato la scarsa applicazione della Convenzione nonostante la sua ratifica. Sono ancora molti i temi sui quali è importante tenere alta l’attenzione da parte dell’amministrazione comunale: i centri antiviolenza, ad esempio, ancora troppo vincolati a risorse non stabili e al lavoro delle volontarie; occorre puntare su un mutamento culturale delle generazioni più giovani attraverso l’educazione ai sentimenti, ma anche a sensibilizzare gli adulti sul linguaggio dei media, in particolare per quelle forme di pubblicità che veicolano messaggi sessisti, in questo senso sarebbe importante riprendere l’iniziativa della giunta comunale del 2009 e del 2011 volta a contrastare quel tipo di pubblicità nelle affissioni pubbliche. Anche i contenuti del disegno di legge Pillon chiamano in causa la difesa di diritti fondamentali delle donne. Su questi aspetti le associazioni ed i movimenti delle donne presenti sul territorio possono offrire un importante supporto.
Stefania Cantatore dell’Unione Donne Italiane (Udi) ha evidenziato che la Convenzione di Istanbul continua a non essere pienamente applicata, ricordando che esistono alcune donne, come le senza fissa dimora, che sono esposte ad ogni forma di violenza in strada ma che ricevono poca attenzione da parte delle istituzioni. Occorre rilanciare una authority delle donne sui temi della cultura di genere, ha concluso, e ha invitato l’amministrazione comunale ad intervenire e riprendere alcuni importanti provvedimenti, come la delibera sulle pubblicità sessiste ma anche quelli a tutela della maternità, come i parcheggi rosa o i taxi rosa.
Nel dibattito sono intervenuti la consigliera Alessia Quaglietta (Partito Democratico) che ha evidenziato l’importanza di agire con misure che non siano temporanee, ma che configurino azioni mirate e continuative, specie per i centri antiviolenza. Ha proposto inoltre di prevedere che le eventuali sanzioni per pubblicità sessiste possano essere reimpiegate per finanziare i Cav. Per Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), la battaglia per contrastare la violenza di genere si fa quando si approvano i bilanci, è necessario infatti realizzare misure amministrative concrete per offrire risposte immediate su questi temi, ad esempio con la creazione di una “app” che dia messaggi di sensibilizzazione contro la violenza di genere.
I temi affrontati oggi, ha concluso la presidente Coccia, saranno contenuti in un documento che verrà presentato come ordine del giorno nel Consiglio comunale di domani, dove saranno in discussione anche due delibere – la numero 562 e la numero 581 – che prevedono, la prima, una variazioni di bilancio per il finanziamento di progetti volti alla prevenzione e contrasto alla violenza alle donne anche in attuazione della Convenzione di Istanbul e, la seconda, una variazione di bilancio relativa al Piano di intervento per il contrasto alla grave emarginazione adulta e alla condizione di senza dimora.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*