Napoli, presentati in commissione Scuola i risultati dei controlli di qualità sulla refezione

Sono confortanti i dati illustrati oggi in commissione Scuola sulla qualità del servizio di refezione scolastica nelle scuole cittadine. La relazione conclusiva sulle indagini effettuate dalla società UL, vincitrice del bando del Comune di Napoli per il monitoraggio e il controllo della qualità della refezione, chiarisce, a conclusione dei cinque mesi di verifiche partite ad aprile di quest’anno, che la qualità complessiva del prodotto è buona e tendenzialmente omogenea in tutto il territorio cittadino. L’analisi, fortemente voluta dalla commissione Scuola, come ha ricordato in apertura il presidente Felaco, è utile per comprendere la bontà del percorso intrapreso a partire dal 2011 con le novità introdotte nella refezione scolastica cittadina e quali sono i punti di criticità sui quali è opportuno intervenire in futuro. L’assessora all’Istruzione Annamaria Palmieri ha ricordato il lavoro di collaborazione avviato con la commissione e con tutti gli altri attori del sistema per migliorare sempre di più la qualità del servizio offerto e per comprenderne punti di forza e aspetti da correggere. L’attività di controllo e monitoraggio, illustrata dai tecnici della società Corrado Giannone, Marco Corno e Lorenzo Gaglione, ha riguardato la conformità al capitolato d’appalto e la qualità del servizio erogato nelle scuole comunali e statali che prevedono il servizio di refezione scolastica dalle ditte affidatarie dell’appalto. Le verifiche hanno riguardato, quindi, il rispetto delle norme vigenti in materia di ristorazione e i contenuti del contratto che lega le ditte erogatrici al Comune. Il monitoraggio, che è stato condotto in tutte le dieci Municipalità cittadine, ha registrato 300 controlli presso i centri di distribuzione dei pasti, quindi nelle scuole, e 100 visite ai centri cottura delle ditte, tutti secondo un criterio di casualità e senza alcun preavviso. Ogni elemento legato al ciclo produttivo e al successivo consumo, secondo quanto indicato dal capitolato d’appalto, è stato verificato, con particolare attenzione alle attività proposte che avevano portato all’attribuzione di punteggio aggiuntivo, come i corsi di formazione del personale, particolari caratteristiche dei veicoli per il trasporto dei pasti o l’elaborazione di opuscoli informativi da distribuire agli utenti e alle famiglie. Sulle maggiori criticità lamentate dalle famiglie, come la differenza di quantità di cibo distribuita all’interno della stessa classe, la temperatura e l’etichettatura de cibi, non si sono evidenziate differenze macroscopiche tra territori o scuole della stessa Municipalità, e le eventuali problematiche individuate sono state poi rapidamente corrette a seguito dell’intervento del tecnico. Molto utile, tra i tanti aspetti considerati, quello relativo al gradimento dei cibi, un elemento considerato essenziale per evitare sprechi e da mantenere come traccia di lavoro nella stesura dei successivi capitolati d’appalto. Va ora avviata una riflessione, secondo il dirigente del servizio Diritto all’istruzione, Giovanni Paonessa, sulla possibilità di un nuovo bando per l’affidamento del servizio di controllo, terminato a novembre, alla luce della considerazione dei vantaggi, in termini economici e sostanziali, apportati da questo tipo di attività che, è stato ricordato, non sostituisce il ruolo della ASL e dei NAS, ma fa riferimento ad un aspetto diverso che è quello di garantire alti standard qualitativi e assenza di rischi per i piccoli consumatori.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*