Napoli, gli ultimi aggiornamenti in commissione Universiadi

Nuovo incontro della commissione Approfondimento e monitoraggio delle attività relative alle Universiadi 2019, presieduta da Vincenzo Moretto. Sono intervenuti l’assessore allo Sport Ciro Borriello, Annapaola Voto e Flavio De Martino, dirigenti dell’Agenzia Regionale Universiadi 2019, Gerarda Vaccaro, dirigente della U.O. Universiadi 2019 del Comune, Francesco Zefilippo e Ugo Vestri dell’Autorità Portuale di Napoli.

Un incontro, ha introdotto il presidente Moretto, per conoscere l’andamento dei lavori negli impianti e per avere chiarimenti su alcuni aspetti dell’organizzazione, ora che è stato appurato che buona parte degli atleti verrà ospitato in due navi da crociera all’interno del Porto di Napoli. Proprio sulle criticità e sui problemi di sicurezza connessi all’individuazione di quell’area è necessario avere le opportune rassicurazioni dai rappresentanti dell’Autorità Portuale.
Ugo Vestri, dirigente dell’Ufficio Security dell’Autorità Portuale, ha illustrato la destinazione delle aree per l’accoglienza degli atleti all’interno del Porto, così come concordato anche con l’Agenzia Regionale Universiadi. Si tratta di una superficie complessiva di circa 30.000 metri quadri (dall’Immacolatella alla Stazione Marittima) che verrà destinata alle attività connesse alla circolazione degli atleti e dei mezzi a loro servizio. Le aree destinate agli atleti e quelle destinate agli altri turisti in transito nel porto verranno nettamente delimitate e separate (le due navi per gli atleti stazioneranno a destra della Stazione Marittima), una soluzione agevolata anche dalla scelta di indirizzare la viabilità verso l’Immacolatella, dove è previsto il gate di ingresso all’area, oltre ad alcuni varchi pedonali in Via Cristoforo Colombo e Beverello. In virtù di queste scelte sulla viabilità non si prevedono particolari criticità per la presenza dei cantieri della Metro e del Beverello; in ogni caso, ogni progettazione ha tenuto conto della loro permanenza, ipotizzando quindi le situazioni più complesse e tenendo conto che già ora l’Autorità Portuale, nei periodi di picco, è in grado di gestire fino a 20.000 passeggeri al giorno, la situazione sarà addirittura più agevole se si considera l’area che si intende liberare. Sulla sicurezza, si sta procedendo alla valutazione di tutti gli aspetti, ci sarà una riunione nei prossimi giorni con la Capitaneria di Porto per la redazione del piano definitivo. Confermato infine il pieno rispetto del cronoprogramma, ha concluso, per un lavoro svolto in piena sinergia con l’Aru.
Su questi aspetti, la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha chiesto chiarimenti sulle concessioni dei parcheggi che ora sono nell’area all’interno del Porto che verrà dedicata alle Universiadi, sulla mancata elettrificazione delle banchine, e sui rischi ambientali ad essa connessi. Vestri ha specificato che le attuali concessioni scadono il 31 dicembre 2018. Dopo le Universiadi si valuteranno nuove procedure per la riassegnazione delle aree – ad un unico soggetto o suddividendo l’area in lotti – per la creazione di aree di parcheggio ma anche aree per i bus a servizio delle crociere o per le auto dirette agli imbarchi; sulla mancata elettrificazione delle banchine a servizio delle navi da crociera, Vestri ha concluso che in nessun porto d’Italia si procede in tal senso, tenuto conto dell’elevato fabbisogno elettrico di quelle che a tutti gli effetti sono città galleggianti, in ogni caso il bando prevede per obbligo di legge l’uso di carburante biologico.
Il consigliere David Lebro (La Città), ha chiesto se il sottopassaggio di Via Acton verrà attivato (sul punto la dirigente Vaccaro ha precisato che al momento non ci sono progetti in tal senso,e lo stesso Vestri ha confermato che il piano dell’Autorità Portuale non ne tiene conto); sul tema dell’elevato numero di volontari necessario per le attività a supporto dell’evento (si parla di un fabbisogno di 4000 unità), Lebro ha proposto di istituire un bando speciale per il Servizio Civile, solo così si potrà assicurare la disponibilità delle persone e una gestione trasparente e corretta del loro reclutamento.
Sul tema dei volontari, evidenziato anche dal presidente Moretto, la dirigente dell’ Aru Annapaola Voto ha comunicato che in un prossimo incontro tra i Cus delle Università di Napoli e Salerno sarà definito un programma di reclutamento degli studenti universitari: una formula ipotizzata prevede la concessione di crediti formativi universitari, la fornitura di una divisa e di voucher per i pasti (sulla piattaforma dell’evento è già pubblicato il bando di adesione e si sono registrati finora 600 aderenti); è naturalmente necessario tener conto del fabbisogno differenziato di diverse competenze (linguistiche, sportive ecc.) ed è sicuramente da prendere in considerazione l’ipotesi del Servizio Civile qualora da questo primo filtro non dovesse giungere il numero necessario di volontari. Prosegue anche il lavoro per le procedure di pre – accreditamento e accreditamento dei partecipanti nei tre poli del villaggio ed è stato illustrato il piano di distribuzione degli atleti nelle altre province campane; è di oggi la notizia dell’avvenuta contrattualizzazione della seconda nave per l’accoglienza (si tratta della Costa Vittoria, che ospiterà 1908 atleti; la MSC, già contrattualizzata, ne ospiterà invece 2114); è stata inoltre approvata in sede ANAC una manifestazione di interesse per il coinvolgimento dei taxi per gli spostamenti durante l’evento; è stato licenziato, infine, il disegno per la realizzazione della fiaccola che – hanno stabilito i rappresentanti della Fisu – dall’edizione del 2019 partirà sempre da Torino (prima sede delle Universiadi) e raggiungerà le altre sedi. Il percorso del 2019 è in via di definizione ma dovrebbe prevedere, dopo Torino, Losanna, Firenze, Bologna e finalmente Napoli, dove al San Paolo si terrà certamente la cerimonia di apertura; si sta invece decidendo su quella di chiusura, si ipotizza Salerno ma bisogna valutare le difficoltà di spostamento degli atleti.
Sul secondo punto all’ordine del giorno, alla dirigente della U.O. Universiadi, Gerarda Vaccaro, il presidente Moretto ha chiesto chiarimenti sull’andamento dei lavori negli impianti, in particolare su quanti cantieri sono aperti e sui tempi previsti per il loro completamento. Preliminarmente, il dirigente dell’Aru Flavio De Martino ha comunicato che sono oltre 20 i cantieri attualmente aperti, e che di ora in ora i dati si aggiornano. Di questi cantieri, ha precisato la dirigente Vaccaro, quelli che riguardano Napoli sono tutti partiti, tranne quello del Palabarbuto che partirà invece il 6 dicembre, così come quello per la Scandone. Tutti i lavori avviati sono in grande avanzamento: al San Paolo sono in corso di esecuzione i due appalti per l’impianto audio e per quello di illuminazione (un impianto “ibrido”, che ha recuperato parte dell’esistente e installato i nuovi deck per le luci a Led, già messe in funzione nelle due ultime partite disputate allo stadio) ; sempre al San Paolo sono in fase di validazione i progetti per il rifacimento dei sediolini, per l’impermeabilizzazione delle gradinate e per la videosorveglianza, quest’ultima rientrerà in un appalto generale per la videosorveglianza e la sicurezza di tutto il tragitto degli atleti, dal Porto a Fuorigrotta. Il termine ultimo per il completamento dei lavori è il 31 maggio 2019, a febbraio si potrà avere una foto realistica sul rispetto del cronoprogramma.
Su questi aspetti è intervenuto il consigliere Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), che ha evidenziato l’importanza di conservare e gestire adeguatamente queste attrezzature anche dopo le Universiadi, in particolare la videosorveglianza ed ha chiesto se è ipotizzabile il riutilizzo delle economie ottenute dai ribassi delle gare e se è prevista la messa in sicurezza del sottopasso Claudio, se è stato elaborato un piano di comunicazione. Sul sottopasso Claudio, la dirigente Vaccaro ha specificato che si tratta di lavori molto complessi che non possono rientrare nelle opere per le Universiadi, ma è stato assicurato il rifacimento del tappetino stradale; Sull’impiego delle economie, la dirigente Vaccaro e i dirigenti dell’Aru hanno assicurato che stanno lavorando per questa ipotesi, ma bisogna aspettare la rendicontazione dei lavori. Il piano di comunicazione dell’evento, ha concluso Vaccaro, ha visto attività messe in campo nei principali punti della città per informare i cittadini: proprio il 15 dicembre ci sarà un’iniziativa per celebrare la partenza del “countdown” ufficiale, a duecento giorni dell’evento.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*