Insigne e De Laurentiis protagonisti del goloso maxi presepe firmato dal pasticciere Cafiero

In principio fu il film campione d’incassi “Benvenuti al Sud”, poi sono arrivati gli Stati Uniti, Pino Daniele e “Roma capoccia”, una delle canzoni più note di Antonello Venditti. Quest’anno, ad ispirare l’atteso presepe “da sgranocchiare” firmato dal pasticciere sorrentino delle celebrity Antonio Cafiero, sono stati, invece, l’attaccante del Napoli Lorenzo Insigne, il presidente della squadra Aurelio De Laurentiis e gli inimitabili tifosi partenopei.

Un “assaggio” del Natale più sportivo e goloso degli ultimi tempi, si potrà avere già da domani, sabato 24 novembre, a partire dalle 19, negli open space della pasticceria-gelateria Primavera di corso Italia 142 a Sorrento, dove si potrà vedere all’opera l’eclettico maitre chocolatier intento a terminare una scultura a grandezza naturale del calciatore partenopeo realizzata con quasi 100 chili di squisito cioccolato bianco. Autentica anche la scena della Natività con il presidente De Laurentiis nei panni di San Giuseppe e il Bambinello abbracciato dal “ciuccio”, simbolo del club azzurro. Le pareti del locale, invece, saranno ad appannaggio dei tifosi. Ricreate nei dettagli, curve, tribune & co, con tanto di striscioni. Tutto, rigorosamente in cioccolato.

Ma le chicche non finiscono qui. Sempre domani, sabato 24, in occasione di Chocoland, la fiera del cioccolato artigianale in programma a Sorrento fino a domenica, Antonio Cafiero sarà protagonista alle 18, a Villa Fiorentino, di una stuzzicante performance: un omaggio a Jackson Pollock sulle note di un brano di Mozart rivisitato da Tullio De Piscopo.

“Mi cimenterò in un’azione di action painting non su tela, ma su maxi lastre di cioccolato bianco – spiega Cafiero – cercando di coinvolgere anche il pubblico presente, cui a fine performance verranno offerti pezzi dell’opera tutti da assaporare”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*