Napoli, in commissione Giovani l’iniziativa del giocattolo sospeso

Nella riunione presieduta da Claudio Cecere con la partecipazione di Nicoletta Stanzione dello staff dell’assessora Clemente e di una rappresentanza di botteghe storiche di giocattolai presentata la terza edizione dell’iniziativa a favore dei bambini

Partirà anche quest’anno, per la terza volta consecutiva, l’iniziativa del “Giocattolo sospeso”, aperta a quanti vogliano acquistare un dono, giocattolo o libro, destinato ai bambini di famiglie meno abbienti. Nello spirito della tradizione tutta napoletana del “sospeso”, a partire dall’8 dicembre e fino al 6 gennaio, chi lo desidera può recarsi in uno dei negozi che aderiranno all’avviso pubblico dell’assessorato ai Giovani e scegliere un dono. Il regalo sarà messo da parte e consegnato o direttamente a chi ne farà richiesta o distribuito al termine della raccolta dall’assessorato attraverso le associazioni territoriali che lavorano con le famiglie.
L’anno scorso, ha ricordato Nicoletta Stanzione, sono stati quindici gli esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa e oltre mille i regali distribuiti. Nessun caso di “finto bisogno” è stato registrato sul fronte dei riceventi, che al momento della richiesta esibiscono un documento di identità solo per consentire i controlli a campione da parte della Polizia municipale. Una possibilità difficile da verificarsi, hanno raccontato tre degli esercenti intervenuti, Leonetti, Catuogno e Ferrara, in quanto i negozi aderenti creano una rete di comunicazione per scambiarsi informazioni ad ogni ritiro.
Anche le Municipalità saranno attivamente coinvolte, sia per sensibilizzare gli esercenti del territorio ad aderire alla rete, sia per diffondere le informazioni presso le famiglie interessate. Rispetto alle precedenti edizioni, con i regali non ritirati consegnati successivamente dopo il termine del 6 gennaio, diverse sono state le proposte dei consiglieri intervenuti, Bismuto e Vernetti (Dema), per migliorare l’iniziativa e garantire più consegne nel periodo natalizio, nel quale si concentra l’attesa dei bambini: maggiore comunicazione, coinvolgimento dei servizi sociali territoriali, inizio anticipato della campagna all’inizio di novembre, sensibilizzazione dei turisti anche attraverso la rete degli albergatori.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*