Intervista all’avvocato Giacomo Iacomino

L’avvocatura vive una fase di crisi non solo economica ma anche di identità. Tra gli avvocati napoletani che cercano di ridare dignità e slancio, attraverso la politica forense, la professione dell’avvocato, c’è Giacomo Iacomino, presidente dell’associazione forense “G. Porzio” Portici/Ercolano, nonché coordinatore della commissione avvocati comunitari del Coa di Napoli e delegato congressuale forense: “La  caduta verticale – spiega – dei compensi provocata dall’ abolizione dei minimi, ha mortificato l’individuo avvocato creandogli non solo problemi dal punto di vista economico lavorativo ma anche influendo negativamente sulla sua sfera familiare e sulla sua autostima, vedendosi molte volte quarantenne o cinquantenne senza alcun altra possibilità di impiego. Vi è stata così una rincorsa al ribasso che ha portato ad uno svilimento della professione. Abbiamo, così, costituito insieme ad altri colleghi, Armando Rossi, Carmine Foreste, Giuseppe Landolfo, Camillo Bruno, Francesco Cellammare, Alfredo Sorge e Barbara Berardi, il Comitato Permanente GRATIS NO. In poche parole è un osservatorio permanente sull’equo compenso, che si propone di tutelare la nostra dignità di professionisti e di verificarne la corretta applicazione nei bandi pubblici e nei contratti con i grandi committenti sia pubblici (Enti) che privati (banche, assicurazioni ecc.) dell’istituto dell’equo compenso”.

La prima azione del Comitato GRATIS NO è stata l’impugnazione innanzi al Tar del noto bando del Comune di Marano che prevedeva compensi gratuiti per cause di valore inferiore a 500 euro: “Il ricorso – dice Iacomino – ha ottenuto la sospensiva del bando. L’osservatorio si riserva di esperire ulteriori azioni contro tutti gli enti che violino la legge sull’equo compenso e minimi tariffari dignitosi, anche a tutela e salvaguardia delle prestazioni. Sempre legato al tema della crisi reddituale degli avvocati, che per inciso incide non poco in relazione a tale crisi, è la vessatorietà attuale della cassa di previdenza forense. Non è possibile che gli avvocati sono chiamati a pagare un tot minimo uguale per tutti indipendentemente dal reddito percepito, tale principio è contrario a qualsiasi fondamento di diritto tributario. La cassa, quindi, dovrebbe essere improntata ad un criterio di proporzionalità legata al reddito effettivamente percepito. Per risollevare la classe avvocati è necessario che l’avvocatura esca dai tribunali e si tuffi a gamba tesa nella società. Ciò è frutto della consapevolezza dell’esistenza del disagio sociale, non solo per i soggetti più deboli, ma anche per la classe media. L’ avvocatura deve mettere a disposizione, la propria professionalità a sostegno dei diritti sociali dei cittadini, ricordando all’uopo che nessun diritto è conquistato <una volta per sempre>. Deve, quindi, lasciare la posizione di spettatore delle vicende politiche subendone passivamente le decisioni e invece concorrere attivamente alla amministrazione della cosa pubblica”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*