Sorrentino: “Ci ricorderemo del 20 ottobre”

Così sulla sua pagina Facebook:

Ci ricorderemo del 22 Ottobre, ci ricorderemo dell’anno 2018 e impareremo a memoria il nome di Erika Stefani, artefice per conto del Governo dell’autonomia differenziata. Quando ci chiederemo perché per i nostri bambini ci sono sempre meno asili pubblici, per i nostri anziani sono scomparse le garanzie del servizio sanitario nazionale, per i nostri studenti non passano gli autobus, per i nostri insegnanti è sparito il diritto alla mobilità, ci rendermo conto che il voto del Sud è stato masticato e sputato come si fa con un chewing-gum.
Il Veneto ha contrattato con l’Italia più competenze per avere più soldi da spendere: quelli che lo Stato già gli trasferisce e quelli del proprio territorio. 9/10 delle tasse che non saranno redistribuiti per le esigenze di tutto il Paese, ma trattenuti in loco.
Le risorse pubbliche, di conseguenza, verranno calcolate in base alla ricchezza dei cittadini non al loro fabbisogno.
Più soldi a chi li possiede già, meno servizi ai poveri. Una schizofrenia del principio di uguaglianza che divide l’Italia “de jure” non solo “de facto”: i cittadini del Nord e del Sud non saranno più uguali. Non che attualmente lo siano, ma mai si era arrivati a considerare l’indipendenza della Padania un fatto costituzionalmente tollerabile.
Quando fu unita l’Italia si sostenne che chi aveva più soldi e risorse (il Sud), nel 1861 aiutasse chi ne aveva meno (il Nord).
Dopo più di un secolo e mezzo, per il Mezzogiorno – a cui è stato imposto con le armi e una guerra civile il principio di solidarietà nazionale – lo Stato che fa?
Spende per ogni cittadino meridionale 3580 euro in meno che per un cittadino settentrionale e giustifica la secessione dei ricchi colpevolizzando chi vive con la metà del reddito pro-capite di un cittadino del nord, con il quaranta per cento in meno delle infrastrutture e con un livello di servizi pubblici sotto il minimo essenziale previsto dalla Costituzione.
Si è concretizzata la “leghizzazione” del Paese dove non c’è spazio per chi rimane indietro e viene trattato da italiano di serie B. Si sono presi la torta mentre il ceto politico del Mezzogiorno resta a guardare, immobile e complice, contando come sempre su tutti quelli che si fanno bastare qualche briciola da raccattare.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*