In Consiglio la discussione monotematica su Stadio San Paolo e Impianti sportivi

La discussione monotematica del Consiglio comunale su Stadio San Paolo e Impianti sportivi è iniziata con la relazione dell’assessore allo Sport, Ciro Borriello, che ha esordito dicendo che siamo a una svolta per gli impianti sportivi napoletani perché si avvicinano le Universiadi e perché, dopo un’intensa attività amministrativa, giungono al traguardo alcune delle questioni più importanti.
Sulle palestre scolastiche, e sul loro uso in orario extracurricolare, già da un anno l’amministrazione ha affrontato la questione con incontri con i Vigili del Fuoco e le associazioni sportive, chiarendo i limiti del loro utilizzo che ovviamente è limitato ad attività sportive di base e, per il 70% delle palestre, la questione è stata chiarita; tutto il carteggio è stato fornito alla Città Metropolitana che ora si appresta ad affrontare la questione.
Grazie alle tre delibere su campetti e aree attrezzate delle periferie dello scorso anno, a breve ci saranno le gare per questi impianti. Sugli impianti Legge 219/81, costruiti con bassa qualità edilizia e concentrati in periferia, dopo anni di difficoltà e ripetuti incontri con il Coni, si riesce ora a mettere sul binario giusto la gestione di questi impianti,così utili ai cittadini. Sulle 7 piscine, ad esempio, sono stati inviati gli atti di diffida, un atto giusto perché gli impianti sportivi si devono pagare e grazie a questo atto molto determinato la questione debitoria si sta chiarendo. Anche per il PalaStadera, siamo al termine dello studio delle spese di gestione che, insieme alla quantificazione dei lavori da effettuare, devono essere a base dei canoni di concessione.
Le Universiadi sono una grande occasione per la città e per i suoi impianti: è vero che per i 5/6 mesi di durata dei lavori le società sportive non potranno utilizzarli, ma è strumentale che un frasario da guerra si applichi agli impianti che non sono affatto devastati: qualche disagio ci sarà, ma, insieme alle federazioni sportive, stiamo cercando di limitarli e di mantenere alcuni impianti aperti durante i lavori. Dopo le Universiadi, ci saranno 13 impianti finalmente a norma che potranno tornare agli antichi splendori, e si dovrà affrontare la questione della loro gestione, della quale non potrà farsi carico direttamente il Comune.
Sul San Paolo, l’assessore ha continuato dicendo che va considerato innanzitutto come impianto sportivo, al di là di polemiche strumentali e al di là del fatto che ci giochi la principale squadra cittadina. La sua riqualificazione è iniziata già da tempo, ed ora, grazie all’occasione colta delle Universiadi, e al clima di correttezza e sinergia istituzionale, ci sono 22 milioni per la riqualificazione. Siamo ad una schiarita anche nei rapporti con la società calcistica ed il presidente del Calcio Napoli con una indicazione formale ha chiesto di firmare l’atto di convenzione votato in Consiglio nel 2011; lasciate quindi alle spalle le polemiche, bisogna affrontare il tema della sua gestione, bisogna chiarire gli spazi, i tempi e i costi secondo i quali la società può utilizzare lo stadio, ma è il tempo giusto e ci sono i soldi per poter finalmente dialogare al di là delle polemiche strumentali e anche grazie al contributo che l’Aula saprà dare con il suo dibattito. Così come, ha concluso, è sbagliato alimentare la polemica a proposito di AfroNapoli: è strumentale la candidatura della capitana in una lista civica alleata con Salvin, perchè si tratta di una squadra che ha nel proprio DNA il valore dell’inclusione, deve dunque andare avanti.

Il presidente della commissione consiliare Sport, Sgambati, è stato il primo ad intervenire nel dibattito ed ha richiamato la perfetta sinergia tra la commissione e l’amministrazione sulla questione degli impianti sportivi e anche del San Paolo sottolineando la necessità che, qualsiasi tema si affronti, si tenga ben presente la scarsità di risorse economiche dovute ai tagli attuati dai governi dei partiti che oggi in Consiglio sono all’opposizione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*