La Commissione Scuola ha discusso di mobilità ciclabile e di scuole bike friendly

Discussione oggi in commissione Scuola sulla mobilità ciclabile in città e sulle prossime azioni per allargare la rete delle scuole bike friendly attive nella promozione dell’uso della bicicletta tra bambini, ragazzi e adulti.
Dopo aver commentato positivamente il successo dell’ultima edizione dell’iniziativa “Bike to school”, con giornate che vedono coinvolte le scuole dei diversi territori in percorsi verso la scuola aperti alla partecipazione di gruppi di insegnanti, genitori e studenti di diversi istituti scolastici di ogni ordine e grado, il presidente Felaco ha anticipato le prossime progettualità in materia di mobilità sostenibile. Il primo, per il quale è in via di stesura il bando, fa riferimento al programma sperimentale nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro che finanzierà i progetti presentati dalle scuole per incentivare non solo l’uso delle due ruote, ma ogni altra misura per favorire la mobilità sostenibile e la sicurezza stradale, con finanziamenti messi a disposizione dal Ministero dell’Ambiente.
Il secondo prevede il finanziamento per la formazione della figura del mobility manager scolastico, una figura ancora poco diffusa nelle scuole. Esaminata anche la delibera comunale che fissa le linee di indirizzo per l’attivazione del servizio di bike sharing a flusso libero in città, che sarà attivato dopo la pubblicazione dell’avviso pubblico per individuare i soggetti interessati a svolgere l’attività.
Diverse le osservazioni poste nel corso della riunione sia dalla consigliera Matano (Movimento 5 Stelle) sia dagli ospiti esterni, il presidente del tavolo di consultazione per la promozione della mobilità ciclabile del Comune Luca Simeone, la responsabile per la diffusione del progetto Bike to school Napoli per il liceo scientifico Mercalli Laura Saffiotti e Renato Casolaro, docente e mobility manager scolastico dell’I.C. Pertini 87° Don Guanella, impegnati da anni nella promozione della mobilità in bicicletta tra gli studenti. Per tutti, occorre insistere nell’azione di sensibilizzazione soprattutto nei confronti delle scuole, per le quali va avviata una riflessione anche sugli spazi da mettere a disposizione per quanti si recano a scuola in bicicletta.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*