Napoli, in commissione Cultura i flussi turistici e l’utilizzazione dell’imposta di soggiorno

La riunione della commissione presieduta da Elena Coccia si è oggi tenuta per un esame dei flussi turistici e per un approfondimento sull’utilizzazione delle entrate provenienti dalla Imposta di soggiorno. Sul punto la commissione ha discusso con Maurizio Zofra dell’assessorato al Bilancio.

Il tema generale dei flussi turistici in città, ha precisato la presidente Coccia, va affrontato in un’ottica di programmazione: i flussi turistici, infatti, si creano, ed è stata positiva, soprattutto per i piccoli Comuni – siti Unesco della Città metropolitana, l’esperienza della partecipazione al Salone mondiale del turismo per le città e i siti patrimonio Unesco – svoltosi a Siena dall’8 al 30 settembre. La presidente Coccia, che ha l’incarico di consigliera delegata della Città Metropolitana in materia, ha illustrato alla commissione il lavoro preparatorio fatto per la conferenza di Siena e gli obiettivi che ci si è proposti per indirizzare i flussi turistici verso realtà più piccole, in genere non lambite dal turismo di massa, ma sede di beni culturali da valorizzare anche con l’afflusso turistico. Per Napoli, problema centrale, non slegato dal governo dei flussi turistici, è quello di salvaguardare le caratteristiche del Centro storico che è stato dichiarato bene dell’umanità con i propri abitanti: accanto alle misure per garantire il decoro e la sicurezza, accanto alla collaborazione tra agenzie turistiche locali ed associazioni, sono le politiche contro la “gentrificazione” – che tende a scacciare dal centro storico abitanti ed attività tradizionali – che possono garantire la qualità dei flussi turistici.
Sugli aspetti relativi alle politiche per il turismo in città, la consigliera Matano (Movimento 5 Stelle), che aveva richiesto la riunione odierna, ha osservato che innanzitutto c’è un problema organizzativo: l’assenza di servizi per i turisti, a partire dagli infopoint, impone di concertare con gli altri soggetti, dai tour operator all’Autorità portuale e all’Aeroporto, iniziative concrete; occorre inoltre dare seguito alla volontà espressa di dar vita al DMO, cioè a Destination Management Organization, per determinare un vero flusso turistico di qualità. C’è poi il problema dell’utilizzazione delle entrate derivanti dall’imposta di soggiorno che devono essere utilizzate per il turismo, non solo, ma anche per la manutenzione dei beni culturali e per il trasporto pubblico; si registra, invece, il finanziamento per la Casa del cinema, che invece dovrebbe sostenersi con le tariffe per i servizi a domanda individuale, e resta del tutto oscuro l’effettivo utilizzo delle risorse stanziate in bilancio, sempre dalle entrate dell’imposta di soggiorno, per il verde pubblico ed i parchi.
Sulle questioni dell’utilizzo della Imposta di soggiorno, Maurizio Zofra dello staff dell’assessore Panini ha comunicato che i 9 milioni di incassi previsti per il 2018, derivanti dall’imposta di soggiorno, sono stati da poco affidati ai servizi con il Piano Economico di Gestione; trattandosi di spesa vincolata, non si ricade nel blocco imposto dalla Corte dei Conti e, quindi, nei prossimi mesi, le cifre saranno destinate, così come previsto, ai beni culturali e ambientali, anche al verde, e a servizi per il turismo; l’utilizzo per ottimizzare il servizio del trasporto pubblico, sempre in un’ottica di sostegno al turismo, sarà invece possibile quando si sarà conclusa la procedura concordataria in corso per l’Azienda della Mobilità. Sulla Casa del Cinema, è importante sottolineare che le produzioni cinematografiche hanno avuto, ed hanno, un grande ruolo nel rilancio dell’immagine della città, tuttavia, nella prossima delibera sui servizi a domanda individuale, la Casa del Cinema verrà inserita. Infine, per il 2019, si prevede un ulteriore incremento delle entrate dall’Imposta di soggiorno, e ciò perché si cominceranno a godere gli effetti delle iniziative dell’amministrazione nel contrasto all’abusivismo e all’evasione che hanno preso avvio con gli accordi con Airbnb e con altre agenzie locali di case vacanza, sulla riscossione dell’imposta direttamente all’atto della prenotazione sulle piattaforme.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*