A Palazzo Marigliano va in scena “La seduzione delle cortigiane”

Un evento nell’evento, fatto di donne, dal Rinascimento ad oggi. Venerdì 28 settembre, dalle ore 19,nel rinascimentale Palazzo Marigliano, in via San Biagio dei Librai 39 a Napoli, si terrà una serata dedicata all’universo femminile: Tamara Brazzi presenta il suo nuovo romanzo “Veronica ed Io”,all’interno di serata organizzata dalla Fondazione Giambattista Vico, intitolata “La seduzione delle cortigiane”. La serata si aprirà con i saluti del Presidente della Fondazione Luigi Maria Pepe e sarà accompagnata dalla partecipazione dell’avvocatessa Maria Coletta.

“Delle donne del passato si conosce poco o nulla, sono considerate marginali e non degne di esseremenzionate nei libri di storia”, racconta Tamara Brazzi. “Molti fatti storici però furono condizionati, se non addirittura dipesi, dalle donne: influenzarono uomini potenti intercedendo con loro prima che fossero prese importanti decisioni, anche belliche. La stessa Veronica – spiega l’autrice del libro – ha salvato Venezia dai turchi, riuscendo a essere l’intermediaria del re di Francia, Enrico III di Valois, per poter schierare le flotte navali francesi contro l’impero Ottomano”.

 

Tamara Brazzi arriva a Napoli e porta con se “Veronica ed Io”, edito da La Valigia Rossa edizioni, un libro che ri-scopre la vita della più ricercata donna della Venezia Rinascimentale, Veronica Franco, nella storia contemporanea di Cristina: due personaggi lontani nel tempo, ma allo stesso modo vicini per gli avvenimenti che attraversano. Storie di donne, vissute e tradotte in parola da un’altra donna, la Brazzi.


 

Il tour promozionale #VeronicaedIo è ufficialmente partito e si propone di fare tappa nei luoghi legati alla vita della cortigiana o descritti nel libro. Lo scorso 14 luglio a Palazzo Malipiero Barnabò di Venezia, in occasione delle celebrazioni del Redentore, l’autrice ha voluto rendere omaggio alla cortigiana del Cinquecento con una Festa per Veronica Franco, un evento-tributo dedicato a una donna della storia che ha anticipato di secoli le più moderne rivendicazioni femminili.

 

L’obiettivo della scrittrice è quello di riscattare moralmente la Franco e di risvegliare l’attenzione nei confronti di personaggi femminili che scontano una condanna all’oblio dalla storia ufficiale per il solo fatto di essere donne o per la loro condotta di vita, come nel caso della Franco.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*