Napoli: come arginare il fenomeno della turistificazione della città

In commissione Politiche Urbane presieduta da Eleonora de Majo avviata la discussione sulle modalità per affrontare il fenomeno dell’espulsione degli abitanti in particolare del centro storico che favorisce la localizzazione di sole attività rivolte ai turisti

Cambia l’impronta del centro storico, sempre meno abitato dai suoi cittadini per fare posto alle attività ricettive rivolte ai turisti. Un fenomeno in costante crescita, ha spiegato la presidente de Majo, in particolar modo ai Decumani, dove gli immobili adibiti ad attività di bed and breakfast proliferano a scapito degli abitanti di lungo periodo, costretti ad andar via o a non trovare nuove case da affittare. Discorso simile per le attività commerciali, sempre più rivolte ad offrire cibo, bevande o altre occasioni di svago ai visitatori, con definitiva chiusura di attività rivolte perlopiù ai residenti. Se è chiaro che occorre ancora continuare a fotografare il cambiamento per comprenderlo sempre meglio, è anche vero che vanno previste azioni amministrative più efficaci e concrete per governarlo al meglio.
Il tema si pone non da oggi, ha detto Nicola Malpede dell’assessorato alle Politiche urbane, ed è stato già affrontato nella precedente consiliatura, anche prevedendo atti deliberativi, come quello poi approvato sul frazionamento delle unità immobiliari, che consente a più proprietari di immobili molto grandi di non cedere la proprietà ma di frazionarla. Per Alfonso De Vito e Anna Fava della rete SET – Sud Europa di fronte alla Turistizzazione, nata con l’obiettivo di affrontare gli effetti dell’estensione dell’industria turistica sul territorio urbano, il tasso di crescita degli immobili dedicati ad accogliere i turisti è esponenziale e procede a grande velocità, molto più che in altre città europee senza che, di contro, siano state messe in campo azioni amministrative adeguate. Analogo ragionamento va fatto per le unità immobiliari afferenti ad ordini religiosi che in molte parti della città accolgono turisti senza un ritorno economico per il Comune in termini di imposte e tasse comunali. Nei casi descritti, invece, andrebbe riconosciuto il carattere di impresa commerciale dell’attività svolta, applicando le regole di riferimento. Utile sarebbe anche l’avvio di un confronto con la Regione che entro dicembre deve votare la nuova legge sulla casa.
Per i consiglieri intervenuti, Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) è evidente che il processo di trasformazione sia inarrestabile e si registra una scarsa attenzione rispetto ad esso, mentre occorrerebbe intervenire con urgenza fissando norme certe e controlli adeguati. Il ragionamento però va allargato ad altre commissioni perché comprende diversi aspetti e competenze. Troncone (Misto) ci sono forme di speculazione in atto ed ovviamente azioni che si potrebbero mettere in campo, ma bisogna verificare la volontà politica rispetto ad una possibile perdita di consenso. Basti pensare alle norme sull’occupazione di suolo non rispettate e ai controlli che mancano.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*