La commissione Trasparenza sull’appalto della refezione scolastica

Nella riunione presieduta da Domenico Palmieri approfondite le procedure di affidamento del servizio per il nuovo anno scolastico 2018-2019, con la partecipazione dell’assessora all’Istruzione Annamaria Palmieri, del Segretario generale Patrizia Magnoni, della dirigente del servizio Gare Annalisa Cecaro e dei dirigenti dei servizi amministrativi delle dieci Municipalità Una riunione convocata, ha spiegato nel’introduzione il presidente Palmieri, per comprendere le criticità del bando per la refezione riscontrate nell’anno scolastico appena concluso, per individuare e correggere per tempo le difficoltà procedurali eventualmente legate al nuovo bando e per capire le motivazioni della scelta di procedere ad una proroga del contratto già esistente,e nonostante l’approvazione del bilancio avvenuta ad aprile. L’assessora Palmieri, che ha rinviato alla spiegazione dei tecnici gli aspetti gestionali, ha ricordato la scelta dell’amministrazione di assicurare con l’attuale sistema della refezione standard di qualità molto elevati, un aspetto già contenuto nel precedente bando e frutto di un lungo lavoro di collaborazione e condivisione con tutti i soggetti coinvolti, a partire dalla commissione Scuola. Il soddisfacimento dell’attuale sistema, ormai quasi completamente basato sullo scodellamento, risulta alto, come si evince dai questionari raccolti nelle scuole. Grazie ad un monitoraggio attento, all’introduzione del pagamento a pasto e alla previsione di un sistema di raccolta dati in continuo miglioramento, è stato possibile asciugare la spesa e renderla più rispondente alla realtà. Resta il tema della contrazione delle risorse a disposizione che non rende possibile una gara pluriennale, mentre la scelta di procedere ad una proroga dell’attuale contratto, consentita dal codice degli appalti, viene incontro alla necessità delle famiglie di un servizio che parta senza ritardi rispetto alle attività scolastiche. Sulla scelta di procedere alla proroga, e sulla preoccupazione espressa dal presidente Palmieri che la soluzione possa diventare una regola anche per i prossimi anni, l’assessora ha ricordato che si tratta della prima volta per questa amministrazione, mentre altri grandi comuni hanno già adottato tale soluzione. Resta chiaro che la strada migliore, sempre che vi siano le risorse disponibili, è quella della gara pluriennale, che garantisce anche maggiori investimenti da parte dei soggetti affidatari. Anche il Segretario generale Magnoni ha confermato la correttezza della scelta adottata, che viene incontro al problema dello sfasamento tra anno finanziario e anno scolastico e all’impossibilità di indire una gara per soli tre mesi di servizio. Eventuali contenziosi esistenti con le ditte e non ancora conclusi, ha detto rispondendo ad un quesito del presidente, non costituiscono un ostacolo alla proroga, per la quale sono già stati predisposti tutti gli atti propedeutici e sono disponibili le risorse necessarie. Per la gara per il semestre 2019 è in corso di pubblicazione il bando per garantire la refezione fino a giugno, ha assicurato la dirigente del servizio Gare Cecaro, mentre il direttore della Quinta Municipalità Silvi ha difeso la scelta della proroga, che ha carattere contrattuale, è consentita dalla legge ed è applicata per la prima volta, mentre una eventuale analoga scelta che potrebbe essere adottata il prossimo anno sarà riferita al nuovo bando. Diversi i quesiti posti da alcuni dei consiglieri intervenuti. Il consigliere Arienzo (Partito Democratico) ha chiesto che sia verificata la possibilità di modificare il sistema di pagamento dei pasti, introducendo il meccanismo dei ticket con pagamento anticipato, un tema che sarà approfondito in commissione Scuola. La consigliera Bismuto (Dema) ha chiesto chiarimenti sui tempi del nuovo bando, sulla scelta di una gara pluriennale che eviterebbe di procedere con nuove proroghe, sulla necessità di rafforzare il servizio istruzione con nuovo personale tecnico per migliorare il sistema informatico, e quindi la riscossione, e sui motivi della riduzione del valore del prossimo bando. Su quest’ultimo aspetto, l’assessora Palmieri ha ricordato il problema generale della riduzione delle risorse a disposizione e l’impegno del Comune ad assicurare comunque il servizio, anche ricorrendo ad un sistema di solidarietà tra Municipalità che consente di mettere a disposizione di quella che ne abbia necessità le economie maturate dalle altre.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



1 Trackback / Pingback

  1. Notizie da Napoli – Noiamensa

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*