Napoli: resoconto seduta Consiglio del 24 luglio

Al termine degli articoli 37, si è svolta in Aula un dibattito sull’ordine dei lavori, nel quale sono intervenuti diversi consiglieri, sulla opportunità o meno di avviare la discussione sul Patrimonio. Nello specifico i consiglieri hanno chiesto chiarimenti sulla congruità con le competenze di Giunta e Consiglio delle delibere 351 e 352, relative al rinnovo della convenzione con Napoli Servizi e ritenute propedeutiche alla discussione odierna , pubblicate ieri nell’Albo Pretorio dopo essere state approvate solo in Giunta comunale. Al termine della discussione, e dopo alcune osservazioni del Segretario Generale Patrizia Magnoni, la seduta, presieduta dal Alessandro Fucito, è stata momentaneamente sospesa, su richiesta del consigliere Palmieri, per un approfondimento in conferenza dei Capigruppo.

Prima dell’avvio della seduta monotematica sul patrimonio, sono intervenuti sull’ordine dei lavori: il consigliere David Lebro (La Città), che si è rivolto al presidente Fucito e al Segretario generale per denunciare l’assenza in aula della maggioranza e del Sindaco e per segnalare un fatto che mai si era verificato prima, e cioè la pubblicazione, ieri, della delibera su Napoli Servizi, votata senza passare per il Consiglio comunale che ha competenza in materia. Nella replica il presidente Fucito ha specificato che su questo punto il Segretario Generale, se ritiene, può fornire le opportune spiegazioni tecniche, ricordando tuttavia che l’approvazione della delibera su Napoli Servizi non era comunque propedeutica alla discussione odierna. Un aspetto, quest’ultimo, non condiviso dal consigliere Moretto (Prima Napoli) che ha ricordato che la relazione tecnica dell’assessore è giunta solo stamattina nel corso del Question Time. La delibera su Napoli Servizi è propedeutica alla discussione odierna sulla gestione del patrimonio comunale, e bisogna consentire al Consiglio di avere il tempo di poter analizzare i contenuti della delibera: non si può stravolgere il destino di una partecipata e dei suoi lavoratori senza le opportune rassicurazioni da parte dell’amministrazione. La consigliera Carfagna (Forza Italia) ha evidenziato come questa amministrazione ripeta sempre gli stessi errori: la funzione del Consiglio comunale è quella di essere messo in condizione di svolgere al meglio le proprie funzioni. Invece dare pochi documenti, in ritardo, è una strategia che impedisce di affrontare la discussione nel merito, nel rispetto del mandato ricevuto dai cittadini, che sono direttamente coinvolti nella questione del patrimonio. Per questo il contratto di servizio con Napoli Servizi – 70 milioni di euro che non passano per il Consiglio comunale – è un documento fondamentale per capire come si intende affrontare le criticità della gestione del patrimonio. Il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha evidenziato i ritardi accumulati per il rinnovo del contratto con Napoli Servizi, e le contraddizioni della delibera, che prevede peraltro una variazione di bilancio che deve essere ratificata dal Consiglio, esautorato di fatto nelle sue funzioni. Non è accettabile infine la situazione odierna: mancano ancora i dati, e non è consentito prendere in giro il Consiglio in questo modo, bisogna ammettere che c’è qualcosa di serio che non va nella gestione del patrimonio comunale. Venanzoni (Partito Democratico) si è detto sorpreso dell’assenza totale della maggioranza in un dibattito che interessa l’intera città, è imbarazzante il suo non intervento su un atto che stravolge totalmente i rapporti tra Giunta e Consiglio, perché ogni convenzione deve essere necessariamente adottata con una delibera di Consiglio. La proroga di un anno infine non fornisce le opportune rassicurazioni: c’è un meccanismo preoccupante che si è innestato che impedisce un dialogo costruttivo a tutela dei cittadini e dei lavoratori. È quindi importante il parere del segretario generale in merito. Santoro (Misto – Fratelli d’Italia), per il quale sarebbe un errore interrompere ora questa discussione, che invece invita a soffermarsi su un problema che è una sorta di pregiudiziale alla monotematica. Non è possibile infatti entrare nel merito della discussione fino a che non viene sciolta la problematica sulle delibere 351 e 352, adottate in Giunta e strettamente collegate al tema del patrimonio. Serve da parte del Segretario chiarezza sulla procedura seguita per l’approvazione delle delibere. Non è chiaro a che titolo sia stata adottata una misura del genere scavalcando le prerogative del Consiglio. Rinaldi (Dema) che ha chiarito che il Segretario generale può esprimere pareri solo su atti all’ordine dei lavori ed in votazione. Le valutazioni sulla congruità delle delibere chiamate in causa oggi possono certamente essere richieste, ma non nella seduta del Consiglio comunale dove c’è un altro ordine del giorno. Fucito ha chiarito invece che il Consiglio è il luogo opportuno per discutere delle sue prerogative, pertanto il Segretario generale può fornire – se lo ritiene – i chiarimenti richiesti sulle delibere pubblicate ieri, che si configurano di fatto come una pregiudiziale – come ha specificato il consigliere Moretto (Prima Napoli).

Il Segretario generale Patrizia Magnoni ha chiarito che, ai sensi del regolamento, non è tenuta a dare pareri di legittimità sulla delibera, ma può esprimere alcune osservazioni nel merito della questione: ha specificato che, di prassi, in questa amministrazione tutte le variazioni di bilancio vengono adottate con delibera di Giunta, per assicurare maggiore celerità ed efficienza amministrativa, il Consiglio è poi chiamato a ratificare questi atti di variazione che, fino alla ratifica, sono formali e non sostanziali. Sulla convenzione con Napoli Servizi, dopo uno studio, il Segretario Generale ha ritenuto che l’atto andasse approvato solo in Giunta, ai sensi dell’art. 42 del Tuel, nel quale non viene indicata la contrattualistica dei Servizi comunali. Si tratta infatti di una delibera di affidamento di servizi, una presa d’atto, tenuto conto che il contratto è un atto prettamente gestionale che non compete neanche alla Giunta, ma è prerogativa dirigenziale. D’altronde, ha concluso, il Consiglio, con la delibera del 6 febbraio scorso, aveva già dato un indirizzo chiaro su quali servizi mantenere e riproporre da parte di Napoli Servizi.

Prima che l’Aula discutesse della questione pregiudiziale presentata dai consiglieri di opposizione, relativa all’impegno di trasformare le deliberazioni di Giunta 351 e 352 in deliberazioni di proposta al Consiglio, il consigliere Palmieri (Napoli Popolare), sull’ordine dei lavori, ha chiesto di sospendere la seduta e convocare una conferenza dei capigruppo per discutere su come procedere. Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), sempre sull’ordine dei lavori, ha proposto invece di consentire agli assessori di produrre la loro relazione, e solo al termine decidere come procedere. Messa in votazione la proposta di Palmieri, la maggioranza si è espressa a favore della sospensione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*