La missiva inviata a De Luca daI presidente dell’ordine degli avvocati di Napoli, l’avv. Bianco

Questa la missiva oggi inviata al Presidente Vincenzo De Luca.

Preg.mo Sig. Governatore della Regione Campania
On. Vincenzo De Luca,
con riferimento alla nota Reg.Gen.302/4/XLEGRA a firma dei Consiglieri Regionali Ciaramella, Daniele, Graziano e Casillo, avente ad oggetto la richiesta di adozione di appositi protocolli di intesa per la creazione di Sportelli di prossimità, “nell’ottica del perseguimento della semplificazione, sburocratizzazione e riduzione dell’impatto generato dalla soppressione di numerosi Uffici del Giudice di Pace e Tribunali nei diversi circondari di Corti d’Appello”, devo precisare quanto segue.
La Sua dimostrata sensibilità ai valori della Giustizia, dell’Uguaglianza e della tutela dei più deboli, non può non farLe notare che non può essere equiparata la presenza di un Ufficio Giudiziario sul territorio ad uno “Sportello di prossimità” presso un ente locale, anche per la non idoneità di quest’ultimo a curare la “predisposizione delle istanze, del loro deposito e del successivo ritiro”, attività relative a controversie e procedimenti di volontaria giurisdizione che, non prevedendo la necessaria assistenza dell’avvocato, esporrebbero i cittadini ad un inammissibile vulnerabilità dei propri diritti e, del pari, ad un intollerabile affidamento delle proprie domande a soggetti, quali gli impiegati comunali, totalmente impreparati a dare risposte qualificate, sebbene correttamente formati per i servizi di cancelleria.
Appare, altresì, fuorviante per una corretta individuazione della funzione del Magistrato e dell’Avvocato, quale presidio di tutela dei diritti, ritenere “indifferente” rivolgersi ad essi ovvero ad un qualunque altro ente locale per ottenere provvedimenti che incidano sulla vita delle persone, legittimando, in tal modo, l’impiegato comunale ad assumere il ruolo di mediatore tra cittadino e Giudice, senza la indispensabile e costituzionalmente richiesta presenza dell’Avvocato, unico protagonista del sistema Giustizia che realizza, con la sua opera, l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge, imposta dall’art. 3 della Carta Costituzionale.
Per altro verso, l’investimento sugli Sportelli di prossimità potrebbe rivolgersi, in modo più efficace e senza costi aggiuntivi, a finanziare quei Comuni che hanno visti soppressi importanti presidi di legalità, come Pozzuoli ed Ischia, senza avventurarsi in soluzioni sperimentali, giacché i diritti non possono ritenersi “cavie” da sacrificare.
Converrà, infine, che la discussione su un tema di tale importanza per la Giustizia, che prescinda dall’indefettibile presenza dell’Avvocatura, apparirebbe come un intollerabile tentativo di sacrificare i diritti dei cittadini, in nome di una semplificazione che equivarrebbe a frustrazione dei valori costituzionali, e delegittimante la funzione dell’Avvocatura e della Magistratura, obiettivo rispetto al quale, mi creda, sono certo Lei sia del tutto estraneo.
Vorrà, quindi, tenere conto delle mie brevi osservazioni, ai fini delle Sue più opportune decisioni, comunicandoLe, fin da ora, la mia più completa disponibilità a incontrarLa, nell’ambito del già avviato rapporto di collaborazione istituzionale.
Cordiali saluti
Il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Napoli
Avv. Maurizio Bianco


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*