L’Accademia Napoletana a Valencia

L’Accademia Napoletana presieduta dal dott.Massimiliano Verde si è prefissata il compito di promuovere,diffondere ed insegnare la Lingua Napoletana ed è stata riconosciuta ed apprezzata in tal senso da molte istituzioni ed associazioni, in Europa e fuori.

 

Verde ha già realizzato un vero e proprio Corso di lingua e cultura napoletana di livello europeo, già patrocinato dal Comune di Napoli ai sensi di un metodo didattico di insegnamento che segue le competenze previste dal QCER, da tale corso è scaturito un certificato di competenza linguistica.


Tale lavoro di insegnamento è stato recentemente riconosciuto tra gli altri anche dalla prestigiosa e storica Real Acadèmia de Cultura Valenciana.


I giorni 17 e 18 Maggio il dott.Verde è stato invitato infatti dall’ Institut d’Estudis Valencians a tenere due conferenze sul tema lingua Napoletana, presso il Centro Aragonés ed il Gruppo Gav, di Valencia, “Lengua Napulitana, patremmonio ‘e ‘na cultura auniverzale ‘mpericulo”.

 

Con l’Institut d’Estudis, infatti Verde ha in corso una cooperazione internazionale per la difesa e promozione della comune identità storico-culturale.

 

A queste due conferenze-dibattito hanno partecipato cultori della lingua e cultura valenciana, storici, docenti universitari ma anche cittadini comuni e ne è stata data ampia diffusione dalla stampa locale: alle conferenze sono seguite diversi incontri di Verde con esponenti della cultura e della lingua valenciana per intensificare il comune progetto.

 

“Lengua Napulitana, patremmonio ‘e ‘na cultura auniverzale ‘mpericulo” oltre al tema delle conferenze è anche il titolo di una pubblicazione in Napoletano (tradotta da Verde in castigliano) e valenciano che costituisce un ulteriore elemento nella produzione in lingua Napoletana da parte dell’Accademia Napoletana.

 

Tale pubblicazione che è stata èdita dall’Institut d’Estudis Valencians e che si ribadisce non è una traduzione in ma dal Napoletano, è stata realizzata da Verde secondo gli studi del Prof.Carlo Iandolo e del Dott.Raffaele Bracale, ai quali, congiuntamente all’Avvocato Renato de Falco, è dedicata l’opera.

 

Inoltre, e nello specifico, nel corso delle due conferenze il dott.Verde ha trattato i temi quali: l’origine, l’evoluzione storica e letteraria del Napoletano, la situazione attuale di lingua a rischio (Unesco), la rappresentazione sociale e culturale dei parlanti napoletani,la comune identità storico-culturale tra Napoli, Valencia e la Corona d’Aragona.

 

 

 

 

Infine sono stati presentati alcuni dei risultati dell’Accademia, quali: un lavoro sulla toponomastica indigena della III Municipalità di Napoli, (mappa info-turistica) una rubrica radiofonica per la corretta grafia  e la storia culturale di Napoli e della Campania, (Radio Svago Web), varie mostre documentarie in napoletano (Napoli, Scafati, Giugliano in Campania) e la recente relazione per l’Unesco presentata dal dott. Verde affinché il Napoletano possa essere inserito nella lista relativa al patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, preceduta il 21 febbraio da un’accurata nota in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Materna, dato che il Napoletano è appunto lingua materna e trasmessa come tale. Anche in queste occasioni, il lavoro di Verde è stato supportato dall’ Institut d’Estudis Valencians.

 

Il progetto con Valencia è in fieri e sarà veicolato ulteriormente in senso internazionale ma l’Accademia desidera primariamente diffonderlo nelle scuole napoletane e campane, secondo il metodo d’insegnamento realizzato da Verde stesso.

 

La lingua Napoletana infatti ha la necessità di essere scientificamente protetta (e non di carrozzoni di emanazione politica e peggio ancora a carattere folcloristico) e socialmente insegnata e divulgata alle nuove generazioni per salvare una cultura ed un’identità linguistica che si evolve da circa 3000 anni, persa la cui l’omologazione culturale avrà trascinato con sé anche uno degli ultimi se non l’ultimo baluardo della civiltà umanistica e magnogreca del mondo con il disastro che ne conseguirebbe non solo per Napoli ma per l’intera Umanità.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*