“L’esercito di terracotta”: orario prolungato per Pasqua e lunedì in Albis

L’esposizione della grande riproduzione di una delle più importanti scoperte archeologiche del XX secolo accoglie i turisti, a Napoli per le feste pasquali, e i partenopei rimasti in città, prolungando l’orario nelle giornate di domenica 1 e lunedì 2 aprile fino alle ore 22.

≪La risposta che Napoli ha riservato alla mostra indica ancora una volta quanto sia entrata di diritto nel novero delle città europee con maggiore afflusso turistico. – spiega il curatore Fabio di Gioia – Il grande interesse per questa iniziativa culturale, tra arte e contaminazione di popoli solo apparentemente lontani, è stato  ampiamente dimostrato dalle scuole e dalla cittadinanza tutta e ci spinge a continuare e a proporre nuove soluzioni e prolungamenti di orario. Le festività pasquali rappresentano proprio questo: il momento ideale per avvicinarsi alla cultura e visitare mostre≫.

Alla fine della visita, sarà possibile effettuare una degustazione di  tè cinese, sempre caldo e rinfrancante, nella postazione del book shop a cura di Tèdiquori di Roberto Riccardi.

La mostra “L’esercito di terracotta e il Primo Imperatore della Cina” è visitabile ogni giorno dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso ore 19) nella Basilica dello Spirito Santo in via Toledo 402, a Napoli. In occasione della domenica di Pasqua e del lunedì in Albis, la mostra prolunga il proprio orario fino alle 22.

L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina 

PRIMA ITALIANA A NAPOLI

Prorogata fino all’8 aprile

Una produzione LiveTree e Terminal 2 con la collaborazione di Medea Art e Vivaticket

Basilica dello Spirito Santo

Via Toledo, 402 (a 100 metri da Metropolitana linea 1 e 2, funicolare di Montesanto e Cumana)

ORARI MOSTRA (aperta tutti i giorni):

Dal Lunedì alla Domenica:         h 10.00 – 20.00

SPECIALE Pasqua e Lunedì in Albis:

h 10 – 22

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*