Verde vuole sensibilizzare la Unesco sulla necessità di tutelare come patrimonio dell’Umanità la lingua napoletana

L’Accademia Napoletana presieduta dal dott. Massimiliano Verde è stata formalmente presentata nel Febbraio del 2016 alla presenza del Primo Cittadino di Napoli e si pone come obiettivo quello di tutelare, promuovere, sensibilizzare, in Italia ed all’estero, specie le nuove generazioni, al patrimonio linguistico  (e culturale) napoletano che la UNESCO riconosce come a rischio/vulnerabile.

L’Accademia lavora infatti internazionalmente in cooperazione con istituti, gruppi accademici di studio, università, associazioni linguistiche, che si occupano della tutela delle diversità linguistiche, propugnando la difesa e l’insegnamento del Napoletano. L’Accademia svolge anche attività di sensibilizzazione sociale attraverso il corretto uso del Napoletano ( III Municipalità di Napoli) ed ha realizzato programmi radiofonici ad hoc (Radio Svago Web, Almanacco Napulitano) in lingua e sulla lingua Napoletana.

L’Accademia ha svolto e realizzato, sotto patrocinio del Comune di Napoli, il primo Corso di Lingua Napoletana (notizia ripresa anche dalla redazione del TGR Campania) che segue le “griglie di competenza” previste dal QCER/CEFR, tale corso si è sviluppato grazie ad un metodo ad hoc realizzato dallo scrivente secondo gli studi e gli ausili del compianto filologo, Prof.Carlo Iandolo e del Dott.Raffaele Bracale, due tra i più apprezzati cultori ed esperti del Napoletano che hanno mostrato sensibilità per il progetto dell’Accademia.

Il lavoro dell’Accademia Napoletana è riconosciuto ed apprezzato sia in Europa che altrove.

In particolare occorre ricordare la cooperazione dell’Accademia Napoletana con l’Institut d’Estudis Valencians per la protezione dei rispettivi idiomi (Valenciano e Napoletano) con la produzione di articoli e pubblicazioni appunto bi-lingue.

L’Accademia ha curato la realizzazione della prima mappa info turistica con gli originari odo-toponimi (ovvero in lingua Napoletana),della III Municipalità del Comune di Napoli ed altre numerose iniziative come la mostra documentaria con didascalie in Napoletano, dedicata a G.B.Basile nel Febbraio 2017 in Giugliano in Campania in occasione della duplice ricorrenza della nascita e morte, con il patrocinio dell’amministrazione comunale giuglianese, esposizioni foto-documentarie in Napoli e Scafati, patrocinate entrambe, conferenze e performances a favore della lingua napoletana (mostra audio-visuale in occasione dello SKY art Festival di Napoli) ecc.

Le attività dell’Accademia Napoletana sono state riprese e pubblicizzate sia in Napoli (Il Mattino, il Roma) (in altre regioni: La Repubblica, Il Secolo XIX, ecc.) che all’estero (Las Provincias di Valencia, The Italian American Journal, con interviste dello scrivente alla ICN Radio di New York, Radio Colonia-Germania, ecc.).

L’Accademia Napoletana infatti seguita nel suo progetto internazionale di diffusione e salvaguardia del Napoletano e non solo localmente auspicando di intensificare il suo percorso didattico-formativo ancor più in collaborazione con le istituzioni cittadine, metropolitane e regionali, permanendo la situazione di rischio e vulnerabilità della lingua Napoletana.

In occasione della Giornata Internazionale della Lingua Materna, l’Accademia Napoletana ha presentato all’Unesco un’accurata relazione storico-culturale sullo stato attuale del patrimonio linguistico napoletano, leggasi Napoletano e dell’attuale assenza di tutela giuridica e riconoscimento in Italia e rispetto anche alla non sempre positiva rappresentazione mediatica dei parlanti napoletani e campani e quindi sulla necessità di salvaguardare quello che è invece un formidabile patrimonio culturale non solo per Napoli e l’Italia ma (perché universalmente apprezzato) dell’intera Umanità (canzone, teatro, arte presepiale e gastronomica, si ricorda il recente riconoscimento per l’arte del pizzaiuolo napoletano, ecc.)

 

In tal senso Massimiliano Verde desidera sensibilizzare la Unesco sulla necessità di tutelare e riconoscere come bene e patrimonio immateriale dell’Umanità la lingua napoletana, considerata essa il veicolo di trasmissione di un patrimonio culturale ed artistico che affonda le proprie radici in ogni manifestazione del sapere e delle eccellenze del territorio napoletano e campano: dalla letteratura con autori come Basile e Cortese alla poesia ed il teatro (come nel caso di Viviani e Ferdinando Russo o Di Giacomo od ancora De Filippo od Antonio de Curtis-Totò o Massimo Troisi)  alla tradizione musicale e canora (da Jesce Sole a Pino Daniele), invitando le istituzioni pubbliche cittadine e regionali ad una collaborazione più serrata su questi temi e sulla necessaria introduzione dell’insegnamento scolastico della lingua napoletana sulla scorta anche del metodo realizzato da Verde che l’Accademia Napoletana rende disponibile e fruibile.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*