Franzese: “Prestazioni sanitarie e Sanità Campana”

Questo escursus non vuole essere una critica alla Sanità intesa come tale perchè l’art. 32 della Costituzione della Repubblica Italiana recita:

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività,e garantisce cure gratuite agli indigenti”, ma considerazioni di carattere generale e calate nella nostra realtà odierna.

Il 18 marzo del 2017 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale(supplemento ordinario n°15) il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM)del 12/01/2017 con i nuovi livelli essenziali di assistenza(LEA).

Cosa sono i LEA?


I LEA sono le prestazioni e i servizi che il SMN(Servizio Sanitario Nazionale) è tenuto a fornire a tutti i cittadini,gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione(Ticket),con le risorse pubblche raccolte attraverso la fiscalità generale(Tasse).

Il DPCM individua tre grandi livelli:

-Prevenzione collettiva e Sanità pubblica,che comprende tutte le attività di prevenzione rivolte alla collettività e ai singoli;

-Assistenza distrattuale,sono le attività e i servizi sanitari e socio-sanitari diffusi sul territorio.

-Assistenza ospedaliera.

Inoltre è stata istituita la Commissione Nazionale,per l’aggiornamento dei LEA e la promozione dell’appropriatezza nel Servizio Sanitario Nazionale(SMN) ed anche il Comitato permanente per la verifica dell’erogazione dei LEA e l’efficienza nell’utilizzo delle risorse.

A cura dell’Ufficio della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute,attraverso “Griglia LEA” nell’anno 2015,preso in considerazione,11 sono le Regioni al Nord risultate adempienti mentre 5 sono inadempienti e tra queste la Regione Campania e altre Regioni del Meridione.

Fra la criticità delle inadempimenti vaccini,screening,appropriatezza assistenza ospedaliera,assistenza agli anziani e ai disabili.

Oltre a tutte queste criticità la nostra Sanità Campana ha difficoltà nel reperire posti letto,smaltire le liste per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali a diversi mesi di attesa per cui il cittadino ricorre sempre più a strutture private con notevole esborso economico.

Le indagini strumentali e di laboratorio per la cura della persona sono ormai un miraggio,quanto si ottengono,e molto spesso il ticket costa più di una prestazione privata.

Non si spiega poi perchè alcune prestazioni di terapia fisica(Tecar,Onde D’urto) al Nord sono in convensione mentre dal Lazio e in tutto il Sud sono completamente a carico del paziente.

Senza parlare poi della lista di attesa di due anni per i trattamenti convenzionati di logopedia e psicomotricità in età infantile.

Dal 2009 ad oggi la Sanità ha perso 45mila operatori.

 

www.ryakos.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*