Campi Flegrei, Tremore fumarolico e segnali geochimici

Registrare il tremore sismico delle fumarole dei Campi Flegrei, attraverso stazioni sismiche ubicate nelle
adiacenze, potrebbe migliorare il monitoraggio in continuo dell’emissione idrotermale del vulcano.
Ad arrivare aqueste conclusioni, uno studio a firma INGV, Università di Palermo, Université Savoie Mont Blanc,
Instituto Volcanológico de Canarias, pubblicato su 
Geology della Geological Society of America

 

È noto che le fumarole generano un ‘tremore’ sismico locale, tuttavia lo studio di registrazioni di lunga durata di
questo segnale ha finora ricevuto poca attenzione. A dirlo uno studio condotto da un team internazionale di
geochimici e geofisici dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, (INGV), Università di Palermo,
Université Savoie Mont Blanc, Francia, Instituto Volcanológico de Canarias, Spagna. Il lavoro, dal titolo Fumarolic tremor and geochemical signals during a volcanic unrest, è stato pubblicato su Geology della
Geological Society of America.

(https://pubs.geoscienceworld.org/geology/article-abstract/doi/10.1130/G39447.1/519593/fumarolic-tremor-and-geochemical-signals-during-a?redirectedFrom=fulltext).


Le spiegazioni di Chiodini

“Normalmente si evita di ubicare stazioni sismiche permanenti in prossimità di fumarole perché il ‘tremore’ generato
dall’emissione dei fluidi rende difficile il riconoscimento dei terremoti”, spiega Giovanni Chiodini,
dirigente diricerca INGV e primo autore della pubblicazione. “Nonostante ciò, a seguito di evidenti aumenti nell’attività idrotermale, nel 2010 fu installato un sismometro nelle adiacenze della fumarola principale di Pisciarelli, ai Campi Flegrei”.
Lo scopo della ricerca, era quello di avere un segnale continuo in qualche modo legato alle variazioni nella
attività della fumarola. I dati registrati dalla stazione sismica sono stati così analizzati e confrontati con i ‘segnali’
geochimici acquisiti nello stesso periodo alla Solfatara di Pozzuoli.

L’approccio, fortemente multidisciplinare e primonel suo genere,” aggiunge ancora Chiodini, “ha evidenziato come il tremore fumarolico di Pisciarelli (RSAM, real-time seismic amplitude measurement) sia notevolmente aumentato dal 2010 al 2017, correlandosi con le pressioni e le temperature del sistema idrotermale che alimenta l’emissione, indipendentemente stimate sulla base della composizione delle fumarole della Solfatara.”

Conclusioni

“Lo studio, quindi,”, conclude Chiodini, “da una parte conferma l’attuale periodo d’aumento dell’emissione
di fluidi vulcanici ai Campi Flegrei (processo già conosciuto alla comunità scientifica), dall’altra indica come stazioni
sismiche, appositamente ubicate nei pressi di emissioni fumaroliche, possano dare un segnale importante in
tempo reale ai fini del monitoraggio dell’emissione idrotermale e della sorveglianza dei vulcani.

La ricerca realizzata ha una valenza essenzialmente scientifica, priva al momento di immediate implicazioni in
merito agli aspetti di protezione civile. Si ricorda che dal dicembre 2012 il Dipartimento della Protezione Civile ha
elevato da verde a giallo (attenzione) il livello di allerta dei Campi Flegrei.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*