Bruciamo ancora…..

Ancora oggi il Vesuvio e le sue falde bruciano. Brucia il Monte Somma così come bruciano Ponticelli, Cercola, Posillipo e il Monte Faito. Incendi frutto della mano criminale di chi vuole speculare sui costi di ripristino, anche attraverso la creazione di nuove discariche abusive.

 

Bruciano gli alberi, gli animali ed i rifiuti tossici sotterrati in un paradiso che, purtroppo, continua ad essere abitato anche da diavoli. Roghi e fumi che deturpano l’ambiente napoletano e minano seriamente la salute dei suoi cittadini. In una regione dove negli ospedali è facile essere accolti da formiche e dormire a terra su coperte, la salute diventa sempre più un business fatto di strutture private che tolgono alle casse pubbliche e mettono nelle casse private.

 


Nel frattempo, nella terra dei fuochi e dei roghi, le casse da morto aumentano…..tutto questo schifo non fa altro che peggiorare la qualità della vita a Napoli e questo peggioramento a cosa porta?

 

Dicevo che il Vesuvio brucia ancora: chi non ha controllato e fatto prevenzione prima di questo disastro, ancora non ha deciso di inviare unità sul territorio per evitare l’azione di mani criminali. Possibile che dopo tutti questi giorni ancora non ci sia l’esercito a presiedere il territorio?

 

Lor incapaci hanno compreso che siamo sotto assedio? Ecco, gli incapaci; chi sono questi incapaci?

 

Sono quelli che nel 2016 hanno, con la Riforma Madia, sciolto il Corpo Forestale dello Stato. Sono coloro che hanno dato ai Carabinieri 13 dei 30 elicotteri del Corpo Forestale, in grado di spegnere incendi.

 

Mi riferisco a chi ha permesso l’utilizzo nell’ultimo mese di solo 7 elicotteri sui 17 a disposizione dei Vigili del Fuoco. Parlo di quella Campania che è in grave ritardo in merito alla definizione e approvazione dei piani antincendi boschivi. Punto il dito sul Ministro dell’Ambiente, in imbarazzante ritardo sull’approvazione dei piani per i 23 parchi e riserve nazionali.

 

Accuso il governo (Renzi prima, Gentiloni ora) di non aver ancora emanato il decreto per trasferire risorse finanziarie ai Vigili del Fuoco. Meglio tacere sul governatore De Luca, sempre più a suo agio nei panni di Crozza e meno in quelli di un bravo amministratore. Ricordate, poi, quel pagliaccio che neanche due mesi fa parlava di Olimpiadi a Napoli?

 

Gli incendi di questi giorni non sono nati per caso; il disegno eversivo-criminale è evidente. Così come è evidente il volto dei complici di questi criminali. Un domani, quando sarete chiamati a votare, non dimenticate che chi li vota è complice!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*