Discussione in commissione Ambiente su raccolta differenziata e telecamere di sorveglianza

La commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, ha discusso oggi dell’estensione della raccolta differenziata porta a porta e dei controlli per il contrasto agli sversamenti abusivi di rifiuti. Sono intervenuti l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice, il direttore del settore ricerca e innovazione di Asia Paolo Stanganelli e il responsabile dell’Unità operativa tutela ambientale della Polizia locale Enrico Del Gaudio
Tempi e modalità dell’estensione della raccolta porta a porta in città e possibilità di implementare il sistema di contrasto agli sversamenti abusivi di rifiuti con nuove telecamere. Questi i temi principali illustrati dal presidente Gaudini. La raccolta porta a porta, ha spiegato Del Giudice, rappresenta insieme alla raccolta stradale una delle due modalità con le quali si svolge la raccolta differenziata in città. I contenitori stradali, a partire da quelli per la raccolta degli abiti usati e per i copertoni, rappresentano un fiore all’occhiello per la città, in quanto hanno permesso di sottrarre a circuiti illegali la disponibilità di materiali spesso utilizzati, una volta sottratti, in modo da arrecare gravi danni all’ambiente.
Pur con differenze di risultato tra i diversi territori, l’estensione del porta a porta procede secondo le previsioni, con un risultato medio di differenziata al 2016 del 30,6%. Il piano triennale 2016-2018, illustrato nei suoi dati principali dal direttore della ricerca di Asia, fissa come obiettivo il raggiungimento di 600 mila abitanti, obiettivo da realizzare agendo su piani diversi: la logistica, con la distribuzione dei kit e dei contenitori a famiglie ed esercizi commerciali, la comunicazione e il coordinamento tra i diversi soggetti coinvolti. Un progetto complesso, dunque, che potrebbe subire effetti negativi dal mancato trasferimento di risorse da parte del Comune. Accanto alle nuove installazioni si affianca poi l’attività di revisione dei porta a porta più datati, con sostituzione dei vecchi bidoncini con attrezzature più moderne, un programma che, in considerazione dei costi inferiori, risente in misura minore dei problemi nei trasferimenti.
Quanto alla raccolta delle deiezioni canine nei territori dove è attivo il porta a porta, è stato chiarito che il rifiuto può essere conferito nei cestini stradali, con nuove installazioni nelle strade ove manchino. I cinquanta contenitori dedicati esclusivamente a questo tipo di rifiuto, presenti in magazzino, saranno installati al termine di un confronto con le Municipalità, anche se già se ne ipotizza un utilizzo prevalente nelle aree verdi.
I consiglieri intervenuti hanno sottolineato diversi aspetti: la necessità di campagne informative ai cittadini sul corretto smaltimento delle deiezioni canine e coinvolgimento di esperti sui temi della localizzazione più adatta dei cestini dedicati e delle modalità di gestione dei cani nei parchi (Menna, Movimento 5 Stelle); l’utilità di prevedere giorni uguali, almeno per grandi aree, della raccolta porta a porta, per facilitare il compito dei cittadini, e l’impegno a contrastare rapidamente le criticità che si stanno verificando nella raccolta degli indumenti (Vernetti, Dema); la preoccupazione per l’attuale situazione finanziaria di Asia che solleva dubbi sull’effettiva possibilità di portare a termine nei tempi previsti il piano triennale del porta a porta e di garantire l’ordinario. L’attuale situazione sconta le scelte non corrette compiute finora, mentre azioni come l’acquisto di nuove telecamere e la sperimentazione dello scambio di ingombranti potrebbero produrre risultati positivi in termini di risparmio (Brambilla, Movimento 5 Stelle).
Sulla questione dei controlli è intervenuto il responsabile dell’unità ambientale della Polizia locale Del Gaudio per spiegare l’importanza delle azioni di repressione compiute con l’ausilio di telecamere che, seppure in numero esiguo, consentono di raggiungere ottimi e duraturi risultati nella lotta agli sversamenti abusivi. Analoghe verifiche sono state fatte nel tempo rispetto alla mancata rimozione di deiezioni canine, fino al 2015 in collaborazione con la Asl e ora in modo autonomo e prevalentemente nelle aree a verde.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*