Il Consiglio Comunale ha approvato l’istituzione della commissione locale per il Paesaggio

Alla ripresa dei lavori dopo la sospensione, il Consiglio ha esaminato ed approvato la delibera proposta dall’assessore alle Politiche Urbane Piscopo per la costituzione della commissione locale per il Paesaggio prima di iniziare l’esame della proposta di regolamento per il commercio su aree pubbliche.

Alla ripresa dei lavori dopo la sospensione, presenti all’appello 29 consiglieri, il Consiglio ha ascoltato la relazione sulla prima delibera da trattare dell’assessore alle Politiche urbane Carmine Piscopo. La proposta di Giunta riguarda la definizione della commissione per il Paesaggio, l’approvazione del disciplinare per il suo funzionamento e per la modifica dell’articolo 19 del regolamento edilizio comunale che prevedeva la commissione edilizia integrata. La commissione per il Paesaggio, che esprime il proprio parere consultivo, obbligatorio, sui progetti sottoposti ad autorizzazione in materia paesaggistica, subentra alla commissione edilizia integrata che era composta da 12 membri, affiancata da 5 esperti per l’esame delle autorizzazioni con implicazioni paesaggistiche. La materia paesaggistica, di competenza regionale, viene delegata dalla Regione ai Comuni; la commissione locale per il Paesaggio è composta da 5 esperti in diverse discipline (beni ambientali, storia dell’arte, discipline agricoloforestali e naturalistiche, discipline di arti figurative, storiche e pittoriche, legislazione dei beni culturali). La commissione per il Paesaggio, ha concluso l’assessore Piscopo, sarà incardinata nel dipartimento Ambiente, a differenza della commissione edilizia che resterà incardinata nei settori Urbanistica ed Edilizia.
Nel dibattito sulla proposta sono intervenuti i consiglieri: Menna (Movimento 5 Stelle) che ha annunciato l’astensione: la preoccupazione riguarda l’esiguità dei membri della commissione locale davanti alla mole di pratiche da esaminare; Nonno (Prima Napoli) ha concordato sull’insufficienza del numero previsto auspicando che si possa modificare la previsione; Lebro (La Città) ha sottolineato l’importanza della materia ed ha chiesto l’intervento del Segretario Generale sulla possibilità tecnico normativa di aumentare il numero dei componenti; Frezza (Riformisti democratici con de Magistris) ha chiesto di conoscere la mole di lavoro effettiva che la commissione dovrà affrontare ed il numero delle pratiche esaminate e non ancora inviate alla Regione; Bismuto (Dema) ha chiesto informazioni sulle modalità di votazione che dovranno essere adottate per la nomina di esperti di diverse discipline.

Dopo che il Segretario Generale Virtuoso ha confermato che il numero previsto dalla normativa di riferimento è di 5 membri, il presidente Fucito ha chiarito che il Consiglio voterà i nominativi proposti con un voto per ogni consigliere e che il bando per la raccolta delle candidature, di competenza del Consiglio, sarà predisposto con l’ausilio dell’ufficio di Gabinetto. Nella replica, l’assessore Piscopo ha anche precisato, rispondendo ad alcune richieste del dibattito in merito ai requisiti degli esperti, che il disciplinare prevede che i candidati abbiano “particolare, pluriennale e qualificata esperienza nella tutela del paesaggio” e che il Consiglio può ulteriormente definire in questo ambito requisiti ulteriori, così come può indirizzare verso una collaborazione tra le due commissioni competenti in materia edilizia e di paesaggio.

Dopo aver approvato all’unanimità un emendamento proposto dalla commissione Trasparenza e illustrato dal presidente Arienzo – poi modificato su proposta di Santoro – sulla incompatibilità di coloro che abbiano partecipato a consultazioni elettorali, la delibera è stata approvata a maggioranza (con l’astensione del Movimento 5 Stelle e di Forza Italia.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*