Intervista a Ciro Corona dell’Officina delle Culture

A distanza di un anno ritorniamo all’Officina delle Culture per incontrare ed intervistare Ciro Corona. Ecco cosa ha risposto alle nostre domande.

 

Da un cantiere si è passati ad una realtà attiva:

Oggi da luogo di morte il nostro centro è diventato un laboratorio sociale. Sono 13 le realtà che cooperano, da quelle dello sport a quelle del dopo scuola, passando per un centro artigianale. Un ragazzo che viene da noi può compiere un percorso artistico, culturale e professionale completo”.


 

Tra i tanti impegni c’è quello di “Facciamo un pacco alla camorra”:

 

Noi siamo figli di quella esperienza. Insieme al comitato di Don Peppe Diana abbiamo deciso di iniziare un percorso di economia sociale. E’ nata così anche la Cassa del Mezzogiorno. Quell’ente assistenziale del 1950 che ha distrutto le nostre terre, oggi diventa strumento di riscatto perché non è più assistenzialismo puro ma economia sociale che va a garantire il lavoro. Nella cassa ci sono prodotti realizzati dai detenuti che operano all’interno dell’Officina delle Culture e su un bene confiscato alla camorra che si trova a Chiaiano. La cassa in legno è costruita da un falegname che sconta una pena alternativa da noi, così come anche la marmellata, la birra ed il vino sono creati da noi. All’interno, poi, ci sono un libro ed un cd, sempre opera di chi frequenta l’Officina. Chi è interessato può andare sulla pagina e-commerce del sito www.scampiaresiste.it. Il ricavato va a garantire gli stipendi dei detenuti che ospitiamo; in tre anni abbiamo ospitati 31 detenuti che hanno cambiato vita”.

 

Purtroppo il Mezzogiorno rimane ancora ancorato ad una posizione di povertà:

 

E’ il grande problema ed è il motivo per il quale la camorra è il modello vincente in questi territori. Manca una politica nazionale contro la povertà. Non è vero che qui non arrivano imprenditori perché c’è la camorra. A Milano, ad esempio, c’è più ‘ndrangheta che al sud eppure…..La verità è che non c’è l’interesse politico dei nostri governanti a risolvere i problemi del Sud. Da questo punto di vista la questione meridionale è voluta. Loro ci vogliono così; vogliono un Mezzogiorno che si senta in colpa di essere Mezzogiorno. Sembra un gioco di parole ma a ben vedere è così; ci fanno credere che siamo di serie b. Oggi, fortunatamente, c’è un risveglio delle coscienze ed abbiamo capito che la salvezza non arriva dall’alto e che le risposte devono arrivare dal basso. Napoli, negli ultimi anni, racconta un qualcosa di diverso. Se si sveglia Napoli, se i napoletani riescono a spezzare certe catene, credo che possa diventare il motore aristotelico di tutto il Mezzogiorno. Il Sud che libera il Sud, che riscatta i propri territori ed elimina la filosofia dello schiavo”.

 

A livello nazionale cosa hai trovato?

 

Mentre a livello locale abbiamo trovato un catalizzatore della napoletanità che è De Magistris, purtroppo a livello nazionale, se si contano gli ultimi 5 governi, in particolare l’ultimo, ci sono state e ci sono politiche contrarie al Sud. Utilizzano degli specchietti delle allodole, dei piccoli contentini, ma nei fatti non hanno mai favorito lo sviluppo concreto del Mezzogiorno. Da loro la parola mafia non viene usata. Questa la dice lunga su quanto ancora i governi vanno a braccetto con i poteri forti e con le mafie”.

 

La mafia alle volte si veste di giacca, di cravatta e taglia la spesa sociale. Taglia la sanità, taglia l’istruzione, taglia la giustizia, taglia il diritto al lavoro, per rendere il cittadino vulnerabile e malleabile:

 

L’ultimo esempio è di questi giorni, l’ospedale di Nola. Se la prendono con i dottori e non chi li ha ridotti in quelle condizioni. Vogliono indebolire le classi sociali, le coscienze, ci vogliono, insomma, ignoranti per poterci addomesticare. Lo fanno con le tv, i giornali, attraverso una politica funzionale a ciò. La loro non è una politica di sviluppo reale volta a far sì che il cittadino possa riappropriarsi della propria vita. Oggi i diritti diventano dei favori”.

 

Cosa pensi di quelli che lucrano sui problemi di Napoli?

 

Sono stanco di questa gente! La vera antimafia si fa vivendo i territori, riprendendosi gli spazi che lo stato aveva lasciato vuoti e di cui la camorra si è appropriata. Una certa letteratura ed una certa fiction sono dei nemici per Napoli. Il problema non è Gomorra ma il gomorrismo, dove tutto va male, dove la denuncia diventa fine a se stessa. Va bene la denuncia, ma bisogna andare oltre, costruendo e non solo raccontando che qui le cose vanno male. Se si dice che tutto è nero, che non c’è futuro, si ammazza la speranza. Le cose iniziano a cambiare; certo la camorra c’è ancora, ma non è quella di una volta. Le persone sono cambiate nella loro mentalità e cercano di recuperare la propria storia con le proprie tradizioni e culture. Una fase bellissima di un film diceva che si può fare. Bene, io dico che insieme si può fare in un movimento che dal basso è cresciuto. Dal si può fare, così, siamo passati al si fa”.

 

A capodanno un episodio increscioso vi ha riguardato:

 

Ci hanno dato gli auguri di buon anno….sono quelli che chiamo incidenti di percorso. Nel nostro cortile abbiamo trovato cinque bossoli, rivolti verso l’ingresso. Il messaggio non so qual è. Va detto che qualche settimana prima, avevamo chiesto, anche in via informale, al Comune di Napoli di prolungare l’affidamento di questa struttura, in quanto c’è una fondazione che vuole donare 100.000 euro da destinare alla costruzione di una palestra all’interno dell’officina. Credo che il rinnovo dia fastidio a qualcuno perchè dà fastidio che ci sia qualcuno che lavora sul territorio, perché così si mette a nudo l’inefficienza di chi dovrebbe operare ed invece non opera”.

 

Nonostante le minacce, continui la tua opera di voler cambiare Napoli:

 

Credo che non abbiamo bisogno di eroi e di semplici consigli ma di esempi. Napoli abbisogna di persone che prima di dire facciamo, hanno già fatto. Ai ragazzi cerco di dare un esempio. La moda di infangare Napoli non la condivido. Il risveglio di questa città fa paura, perché questa volta, a differenza del ’94, non parte dall’alto ma dal basso. Qualcuno usa tutte le armi che ha per far sentire i napoletani ancora in debito con l’Italia”.

 

Queste le parole di Ciro Corona, a mio avviso, un grande napoletano che deve essere un esempio da seguire per chi ama Napoli.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*