2017: l’anno che verrà

L’anno che si conclude è stato, a mio parere, un anno perso tra continui litigi politici e spartizioni di potere a danno di noi italiani. L’ultimo regalo di 20 miliardi alle banche dimostra quale sia davvero il fine da difendere per chi ci governa (leggi Pd ed i suoi discepoli).

 

11 milioni di connazionali non possono permettersi le cure sanitarie di base? Dispiace, l’Europa è la scusa per dirvi “arrangiatevi”. I giovani sono diventati, nel frattempo, quarantenni che vivono ancora con mammina e babbuccio? Emigrate, fuori dalle scatole! Il debito pubblico continua ad aumentare, nonostante siano state tagliate anche le forbici; colpa degli interessi sugli interessi degli interessi da corrispondere a….le banche.

 


 

I terremotati di quest’anno si aggiungono a quelli degli anni addietro per formare, insieme agli esodati, quel novero di persone di cui i mass media parlano tutti i giorni, ma che nella vita reale nulla ottengono per vedere risolti i loro problemi. Proprio ieri 1600 lavoratori di Almaviva hanno avuto come regalo il licenziamento. L’ex premier, comunque sempre bugiardo di Rignano, ha immobilizzato l’azione politica per cercare di far passare una schiforma che voleva semplicemente togliere quel residuo di scelta democratica che è rimasta in questo paese.

 

 

Invece di applicare i principi della Costituzione quali diritto al lavoro, alla famiglia, alla sanità, al pari trattamento, all’uguaglianza ed alla certezza della pena, queste foglie di fico prestate al servilismo dei poteri forti hanno occupato i mezzi di comunicazione (i colleghi della Rai cosa dicono in merito all’utilizzo dei suoi canali per far piacere alla Boschi, scelta di merito o che? Non dico un pizzico di autonomia, ma un tantino di deontologia professionale avrebbe dovuto esserci, No?) per dire che loro volevano modernizzare il paese, renderlo civile e più europeo, mentre dall’altro lato c’erano i cattivi, gli arnesi di un passato incivile che non vuol mollare l’osso.

 

Tutto questo per dodici mesi, mentre i miei ed i tuoi problemi legati allo stato non solo non sono stati risolti, ma sono stati affrontati con nuove tasse e maggiori privazioni lavorative. Le foglie di fico hanno detto che in Italia ci sono più lavoratori grazie al jobs…spè…chiamiamo le cose con il loro vero nome: ass act. Strano, perché aumentano coloro che non sono più alla ricerca di un lavoro perché scoraggiati e depressi ed i voucher hanno raggiunto una diffusione vergognosa (per i positivisti del Pd se nell’ultima settimana hai lavorato un’ora corrisposta con un voucher, sei un occupato a tutti gli effetti). Soprattutto aumenta la povertà in chi lavora; stipendi da 600 euro al mese al nero per un minimo di 40 ore settimanali sono la questua che si riceve per chi, anche con laurea, è costretto a prostituire la propria dignità perché ha qualcuno da mantenere.

 

 

Ricordate le parole di Buzzi dette nel 2014? “Con gli immigrati si fanno più soldi che con la droga”. Secondo voi è cambiato qualcosa o è peggio di prima? Gli immigrati sono uno strumento di guadagno per le solite cooperative ed una scusa per creare una guerra tra poveri a suon di razzismo.

A Roma i cittadini eleggono la Raggi e cosa succede dal giorno dopo? I miei colleghi diventano tanti investigatori che vanno a fare le pulci anche ai pidocchi. Giustissimo e lecito, sia chiaro; prima dov’erano? Fossero stati ligi la metà di quello che sono oggi, Mafia Capitale sarebbe stato solo il nome di un film di terza fascia.

 

Quindi un 2016 di letame? Non completamente, anzi. Per fortuna ci sono le persone che amiamo e che vogliamo bene. Ci sono le nostre famiglie, i nostri figli, i nostri amici che formano il nostro vissuto quotidiano, quel mondo reale che la classe politica finge di non vedere. Nonostante le mille difficoltà che una classe dirigente ci serve ogni dì con disarmante cinismo, abbiamo tante gioie che rendono la nostra vita meritevole d’essere vissuta.

Abbiamo anche tante responsabilità, prima tra tutte quella di doverci impegnare fino in fondo per migliorare il mondo che ci circonda. Per questo vi auguro che attraverso l’amore per la vita, possiate superare le vostre problematiche.

Socialmente non è un bel momento. Il socialmente, però, dipende sempre da noi. Ritorniamo ad essere donne e uomini di conseguenza, che alla speranza accompagnano l’azione. Non sarà facile, lo so.

Proprio per questo ci aspetterà un meraviglioso 2017!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*