Ciarambino: “Chiamarli impresentabili è troppo poco”

Carlo Iannace, consigliere regionale eletto nella lista “De Luca Presidente”, oggi è stato condannato a 6 anni di reclusione e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per peculato e tentata truffa, a quanto si legge sulla stampa.

Questa è la gente che De Luca ha portato in Consiglio regionale.

Ma ciò che mi suscita un’indignazione rabbiosa sono i reati di cui questo personaggio si sarebbe macchiato: ricoveri e interventi di chirurgia estetica, come mastoplastiche e liposuzioni, venivano spacciati, secondo l’accusa, per interventi oncologici, falsificando la documentazione. Operazioni eseguite a spese del sistema sanitario, nell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino dove Iannace era responsabile dell’unità senologica.

Ora mi chiedo: mentre la nostra gente muore perché la sanità non funziona, le liste d’attesa sono infinite, i posti letto sono insufficienti e pure le sale operatorie e il personale sanitario, chiamare peculato e tentata truffa i reati di cui questo figuro si sarebbe macchiato vi sembra il nome giusto?


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*